Warner Bros. sta valutando diverse opzioni per la distribuzione di Wonder Woman 1984,  considerata l’emergenza ancora in atto a causa del COVID-19. Secondo Variety, si starebbe infatti pensando di programmare alcune proiezioni limitate per il film a Natale, prima dell’arrivo a gennaio su HBO Max.

L’alternativa sarebbe rimandare ulteriormente il film all’estate del 2021; il film è passato, in ordine, da un’uscita fissata a giugno, poi ad ottobre e infine a dicembre, a Natale. La pandemia mondiale però sembra non voler diminuire, e con molti cinema chiusi è chiaro come Warner Bros. debba studiare soluzioni alternative.

D’altronde, già con Tenet, lo studio ha potuto vedere come in questo momento storico non sia redditizio distribuire i film nelle sale; l’incasso del film è stato al di sotto delle aspettative (e non certo a causa della qualità del film) e Warner Bros. non può permettersi di non monetizzare al massimo con un film atteso come Wonder Woman 1984.

Wonder Woman 1984 – il film

Wonder Woman 1984 manterrà la continuity di Diana iniziata con Batman v Superman: Dawn of Justice, film nel quale l’eroina di Gal Gadot ha fatto il suo debutto cinematografico.

Wonder Woman 1984

Un rapido salto negli anni ’80 nella nuova avventura per il grande schermo di Wonder Woman, dove dovrà affrontare due nemici completamente nuovi: Max Lord e The Cheetah. Con il ritorno di Patty Jenkins alla regia e di Gal Gadot nel ruolo principale, “Wonder Woman 1984” è il seguito della Warner Bros. Pictures del primo film campione d’incassi sulla supereroina DC, “Wonder Woman” del 2017, che ha incassato 822 milioni di dollari a livello mondiale.  Nel film recitano anche Chris Pine nel ruolo di Steve Trevor, Kristen Wiig nel ruolo di The Cheetah, Pedro Pascal in quello di Max Lord, Robin Wright nei panni di Antiope e Connie Nielsen nei panni di Hippolyta.

Wonder Woman 1984 non sarà quindi un vero e proprio sequel, come detto dalle due protagoniste Gal Gadot e Kristen Wiig. Così la Gadot:

Non riprendiamo la storia dove l’abbiamo lasciata l’ultima volta, perché era ambientata 66 anni fa. Quindi troviamo Diana che vive da circa sessant’anni da sola, nel mondo degli uomini, al servizio dell’umanità e facendo del bene. Questa storia è pienamente una storia a sé stante. Insomma, l’unica cosa che condividono entrambe le storie è il rapporto tra Diane e Steve Trevor. Ma a parte questo, è un mondo completamente nuovo, l’era è diversa, Diana è diversa e la trama è nuova.

La Wiig ha aggiunto:

Spesso, coi sequel si vuole enfatizzare il collegamento col primo film o portare avanti delle questioni rimaste in sospeso. Per questo Wonder Woman 1984 non può essere considerato un sequel.

Queste invece le parole di Patty Jenkins sulla scelta dell’attore per il villain, Pedro Pascal:

Rimango continuamente sorpresa quando tutti lo definiscono un ragazzo serio. Devo dire che Pedro è una delle persone più carismatiche che abbia mai conosciuto, diventa immediatamente qualcuno che tutti vogliono invitare, con cui vogliono parlare e che vogliono avere intorno. Avevo già lavorato con lui, conoscevo già le sue qualità e non ha dovuto dimostrarmi nulla. Ho amato subito l’idea di averlo come cattivo, sarebbe stata sicuramente una novità perché non ti dà l’idea di un “cattivo”.

Wonder Woman 1984 uscirà nelle sale italiane il 14 gennaio.

Acquista il Blu-Ray di Wonder Woman

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui