Cyberpunk 2077 è stato, per tutto il 2020, il titolo più atteso dell’anno insieme a The Last of Us – Parte II. Eppure è stato rinviato più e più volte. Originariamente atteso per il 19 novembre, proprio la settimana scorsa è stato spostato al 10 dicembre. Tuttavia, dopo alcune affermazioni non proprio carine sul crunch da parte del CEO Adam Kicinski (di cui si è poi scusato), è emerso che forse il gioco potrebbe essere ulteriormente rimandato.

La verità è che l’annuncio dell’ulteriore ritardo ha fatto crollare le azioni in borsa di CD Projekt RED e quando Kicinski ha parlato con gli azionisti, commentando l’uscita del gioco, si è detto “[…] non proprio convinto, ma fiducioso.” Che stia provando forse a dirci che vedremo Cyberpunk 2077 nel 2021? Noi speriamo vivamente di no. Voi cosa ne pensate? Potrebbero davvero rimandarlo ulteriormente contando quando è atteso da tutti?

Cyberpunk 2077 – cosa sappiamo sul gioco

Cyberpunk 2077 sarà un gioco di ruolo incentrato sulla narrazione, marchio di fabbrica di CD Projekt RED. L’ambientazione ruoterà intorno Night City: la più pericolosa e vibrante metropoli futuristica che ci sia. Il gioco seguirà la storia di V, un cyberpunk che si troverà in un mondo di guerrieri della strada cyberpotenziati, esperti netrunner e hacker corporativi.

Lo sviluppatore ha anche confermato che, tramite un aggiornamento gratuito in arrivo in un secondo momento, il titolo verrà poi aggiornato per sfruttare l’hardware delle console di nuova generazione PlayStation 5 Xbox Series X così da risultare al passo con i tempi. Questo significa che potremo goderci il gioco sia nella generazione attuale che in quella in arrivo, al pieno delle sue possibilità grafiche. Il fatto che l’aggiornamento sarà gratuito per chi possiede già il gioco per la generazione PS4 e Xbox One, è un altro punto a favore della casa polacca.

Preordina la Day One Edition di Cyberpunk 2077 per PlayStation 4!

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui