Originariamente previsto per il 18 febbraio 2021, arriva la conferma da Ubisoft che Far Cry 6 è stato rimandato a data da destinarsi, in un periodo che è stato definito da una finestra di lancio tra aprile 2021 e addirittura il 2022. Ubisoft ha parlato di uno dei giochi più ambiziosi che abbia mai realizzato, cosa che ha richiesto un rinvio del gioco e un lavoro molto più intenso da parte del team.

Questo è già il secondo rinvio di questa settimana, dopo Cyberpunk 2077 di CD Projekt RED e ci si chiede se le compagnie stiano avendo problemi con lo sviluppo per la nuova generazione di console. Ubisoft ha affermato di voler creare un’esperienza indimenticabile e che quindi questo richiederà molto più lavoro di quanto preventivato. Pare che molti dei problemi siano comunque riconducibili al lavorare da casa di molti dei membri del team, il tutto chiaramente dovuto al problema del COVID-19, che ha comunque avuto un certo impatto sull’industria videoludica, anche su colossi come Ubisoft.

Resta da capire come Ubisoft abbia intenzione di gestire i preordini ed eventuali rimborsi. Voi avevate già prenotato il gioco?

Far Cry 6 – cosa sappiamo fino ad ora

Dopo il grande successo dei cinque capitoli precedenti e le voci di corridoio circolate nei mesi precedenti all’annuncio ufficiale, ci si aspetta davvero molto da questa sesta incarnazione della saga, che sta iniziando a risentire di una certa stagnazione e un effetto “more of the same già lamentato da molti nel quinto capitolo, per quanto sia stato comunque molto apprezzato.

Il cambio dell’ambientazione e di intenti potrebbe effettivamente essere la soluzione vincente e l’ambiguità del trailer confermerebbe un possibile cambio di direzione, oltre a far sorgere la domanda: giocheremo nei panni di un ragazzo? Ma soprattutto: quanto sarà importante il rapporto con il dittatore di questo stato simil-sudamericano?

Preordina Far Cry 6 Gold Edition per PS5

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui