Justice League: Ray Fisher accusa Warner Bros. di mentire

Nuove accuse dell'attore.

0

Ray Fisher ha chiesto alla Warner Media un nuovo investigatore per il caso di abusi sul set di Justice League, accusando Warner Bros. di bugie sfacciate. Il ruolo di Victor Stone, alias Cyborg, sarebbe stato un importante trampolino di lancio per la carriera di Fisher, ma purtroppo quanto presumibilmente avvenuto durante la produzione del film ne ha limitato l’importanza all’interno della trama. Inoltre l’attore ha accusato Joss Whedon di essere verbalmente violento sul set durante le numerose riprese.

Fisher, non contento, ha anche accusato l’ex capo della DC Films John Berg e l’ex direttore creativo della DC Geoff Johns di comportamenti scorretti. Ciò ha portato la Warner Bros. a un’indagine indipendente sulle accuse, ma Fisher sostiene che l’indagine è tutt’altro che indipendente. L’attore ha accusato WB di non essere trasparente nell’inchiesta dopo che lo hanno accusato di non collaborare alle indagini. Jason Momoa tuttavia ha prestato il suo sostegno all’attore. Il resto del cast invece per ora mantiene un prudente silenzio.

Ora, Fisher su Twitter ha detto di aver chiesto alla Warner Media di cambiare l’investigatore terzo. Il tweet accusa anche la Warner Bros (e lo studio da loro assunto per guidare le indagini) di “mancanza di trasparenza” e di “bugie sfacciate”. Fisher inoltre avverte pubblicamente chiunque altro sia stato interrogato nell’inchiesta di non parlare con l’attuale investigatore.

Sarebbe opportuno che l’attore e lo studio risolvessero il problema prima possibile, anche se ciò sembra meno probabile ogni giorno che passa. Non sappiamo se Warner Media vorrà nominare un nuovo investigatore in risposta alla richiesta di Fisher, che speriamo veder progredire con la sua carriera. Così noi intanto potremo concentrarci sulla Snyder Cut in arrivo su HBO Max nel 2021.

Guardate Justice League

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui