Il Trono di Spade: chi avrebbe dovuto uccidere il Re della Notte?

Originariamente, non era stato affidato ad Arya il compito di uccidere il Re della Notte.

0

L’ultima stagione de Il Trono di Spade ha dato molto da discutere ai fan, sia per il finale (che molti non approvano) sia per la battaglia con gli Estranei e l’uccisione del Re della Notte. In una recente intervista Maisie Williams, interprete di Arya, ha rivelato come originariamente non doveva essere il suo personaggio ad uccidere il Re della Notte.

Kit Harington si aspettava che fosse Jon Snow ad uccidere il Re della Notte, e questo perché glielo avevano anticipato nel corso della terza stagione” spiega la Williams.

“Poi ha letto la sceneggiatura e ha scoperto invece che toccava ad Arya! Se lo avesse fatto davvero lui, sarebbe stato forse troppo scontato; io penso che il mio personaggio abbia avuto il miglior sviluppo narrativo di tutto il finale”.

Visto il grande successo della serie televisiva, i fan continueranno a discutere e lo faranno ancora di più quando George R.R. Martin completerà i libri. Nel frattempo, a fare discutere sono anche le recenti parole di Emilia Clarke, legate però a fattori extra-artistici.

Parlando all’Edinburgh TV Festival, l’attrice ha descritto alcuni comfort forniti esclusivamente al cast maschile. “Quando abbiamo girato in un paese caldo con vestiti pesanti addosso in molti, specie i Guardiani della Notte, avevano questa pompa refrigerante attaccata ai costumi. Avevano quindi sotto  questo strano tipo di sistema per rinfrescarsi ” le parole della Clarke.

“Alle ragazze non era permesso. Tutto quello che ho potuto ottenere è stato di poter sollevare il retro della mia parrucca. È staro troppo difficile, io avevo una parrucca, senza alcun tipo di sostegno”.  Attualmente, la serie è disponibile in streaming su HBO Max.

LO SPIN-OFF DE IL TRONO DI SPADE

Come riportato da Entertainment Weekly (appreso da alcune fonti) sarebbe iniziato il casting per lo spin-off de Il Trono di Spade, House of the Dragon; altri dettagli non sono ancora stati diffusi ma, a quanto sembra, la produzione si sta muovendo.

HBO ha ordinato Lo spin-off de Il Trono di Spade incentrato sui Targaryen, House of the Dragon,dopo la cancellazione del progetto con Naomi Watts. Miguel Sapochnik, che ha diretto diversi episodi della serie principale tra cui la “Battaglia dei Bastardi”, dirigerà il pilota e altri episodi, oltre a servire come showrunner al fianco di Ryan Condal (Colonia).

La serie, basata sul libro Fuoco e Sangue di George R.R. Martin, sarà ambientata circa 300 anni prima degli eventi già visti, esattamente nel periodo in cui Aegon I Targaryen e le sue due sorelle Visenya e Rhaenys, si lanciarono alla conquista di Westeros al motto di “Fire Will Reign” (“Il fuoco regnerà”). Come tutti sappiamo, il regno dei Targaryen durerà fino alla ribellione di Roberth Baratheon e la sua conseguente salita al trono.

IL COMMENTO DI GEORGE R.R. MARTIN SULLO SPIN-OFF

Tempo fa, sul suo blog, George R. R. Martin ha parlato della nascita del progetto, consigliando anche alcune letture preparatorie alla serie. “House of the Dragon è in sviluppo da diversi anni (anche se il titolo è cambiato un paio di volte durante il processo)” si legge “In realtà è stato il primo progetto che ho presentato a HBO quando abbiamo iniziato a parlare di una nuova serie , già nell’estate del 2016.

Se volete sapere di più su quello che sarà la serie beh, non posso proprio farvi capire tutto. Ma potreste prendere una copia delle due antologie che ho realizzato insieme a Gardner Dozois, La principessa e la regina e Rogues, e poi guardare la storia del Gran Maestro Gyldayn, Fuoco e Sangue.”

La principessa e la regina racconta della principessa Targaryen Rhaenyra, che dichiara guerra ad Approdo del Re dopo che le è stato negato il trono di spade, mentre The Rogue Prince  si concentra sul regno del re Viserys I Targaryen.

Acquista Il trono di spade. Libro primo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco: 1

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui