Justice League: continuano le indagini ma Ray Fisher non collabora

La casa di produzione risponde all'attore.

0

Come sapete Ray Fisher si è esposto molto negli ultimi tempi riguardo a quanto avvenuto sul set di Justice League dopo l’arrivo di Joss Whedon, tanto che all’inizio di questo mese WarnerMedia ha avviato un’indagine sul modo in cui il regista ha trattato gli attori sul set. Ora, lo studio dice che Ray Fisher però non sta collaborando alle indagini.

La dichiarazione di Warner descrive un Fisher frustrato dal modo in cui il suo personaggio è stato scritto nel film di Flash con Ezra Miller attualmente in fase di sviluppo. Inoltre, lo studio dice che dopo aver assunto l’investigatore privato raccomandato da Fisher, l’attore non è riuscito a incontrarli per fornire una “accusa credibile di cattiva condotta”.

“Sebbene il signor Fisher non abbia mai denunciato alcuna cattiva condotta perseguibile contro di lui, WarnerMedia ha comunque avviato un’indagine basata sulle preoccupazioni che aveva sollevato sulla rappresentazione del suo personaggio. Ancora non soddisfatto, il signor Fisher ha insistito affinché WarnerMedia assumesse un investigatore indipendente”, recita la dichiarazione.

“Questo investigatore ha tentato più volte di incontrare il signor Fisher per discutere le sue preoccupazioni ma, ad oggi, il signor Fisher ha rifiutato di parlare con l’investigatore. La Warner Bros. rimane ferma nel perseguire il benessere di ogni membro del cast e della troupe in ciascuna delle sue produzioni. Resta inoltre impegnata a indagare su qualsiasi accusa specifica e credibile di cattiva condotta, che finora il signor Fisher non è riuscito a fornire”.

La dichiarazione è stata una risposta diretta a un tweet che Fisher ha fatto venerdì pomeriggio, accusando anche il capo di DC Films Walter Hamada di essere intervenuto nella vicenda a favore di un importante esponente DC:

La dichiarazione

La dichiarazione di WarnerMedia contiene anche un’altra interessante osservazione: “A luglio, i rappresentanti di Ray Fisher hanno chiesto al presidente della DC Films Walter Hamada di parlare con il signor Fisher delle sue preoccupazioni durante la produzione di “Justice League”. I due avevano parlato in precedenza quando il signor Hamada gli aveva chiesto di riprendere il suo ruolo di Cyborg nel prossimo film di Flash della Warner Bros.

Nella loro conversazione di luglio, il signor Fisher ha raccontato i disaccordi che aveva avuto con il team creativo del film riguardo alla sua interpretazione di Cyborg e si è lamentato del fatto che le revisioni della sceneggiatura suggerite non fossero state adottate. Il signor Hamada ha spiegato che le differenze creative sono una parte normale del processo di produzione e che lo scrittore / regista di un film alla fine deve essere responsabile di queste questioni…

In nessun momento il signor Hamada ha mai emesso alcun giudizio sulla produzione di “Justice League”, in cui il signor Hamada non ha avuto alcun coinvolgimento, poiché le riprese sono avvenute prima che il sig. Hamada fosse promosso alla sua posizione attuale”.

Non ci resta che attendere la risposta dell’attore, che sicuramente non tarderà.

Nell’attesa della Snyder Cut, rivedete Justice League

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST