André-Paul Duchâteau ha fatto parte, con Jean-Michel Charlier, Greg e Henri Vernes, del “quartetto” fondatore dei grandi sceneggiatori del fumetto realista della scuola di fumetti belga. Aveva sceneggiato, principalmente per il Journal Tintin, le serie Ric Hochet (Ric Roland da noi), Les 3A, Les Casseurs, Yalek, Udolfo e molti adattamenti di romanzi polizieschi classici a fumetti.

Era il maestro della “suspense leggera” nella Nona Arte. André-Paul Duchâteau è deceduto mercoledì 27 agosto 2020 all’età di 95 anni.

Era nato a Tournai in Belgio l’8 maggio 1925. Talento precoce, Duchâteau ha scritto il suo primo romanzo nel 1940, all’età di 15 anni, per la collezione Le Jury diretta da Stanislas-André Steeman. Ma ben presto ha avuto una brillante carriera anche nel campo del fumetto.

Ric Roland: l’eroe più famoso di André-Paul Duchâteau

Ric Roland (Ric Hochet) è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie a fumetti ideata nel 1955 da André-Paul Duchâteau e dal disegnatore Gilbert Gascard, in arte Tibet ed esordito sulla rivista Tintin.

Il primo volume è stato pubblicato nel settembre 1963 da Le Lombard.

Giornalista, Ric Roland collabora regolarmente con la polizia giudiziaria. Le sue indagini si svolgono spesso in un’atmosfera fantastica che nasconde sordidi impulsi omicidi e gli oscuri interessi dei diretti protagonisti.

Il suo vero nome (“Ric” è un diminutivo) non è mai stato veramente indicato. Per A.-P. Duchâteau è Frédéric. Per Tibet, è Richard. Quando la prima pagina di Mystère à Porquerolles fu pubblicata sul settimanale Tintin, il 22 maggio 1962, si leggeva su un’etichetta posta sulla scrivania di Ric Hochet: “Richard Hochet”. Mentre quando l’album fu pubblicato, due anni dopo, il nome e il cognome furono cancellati.

Nel nostro Paese le avventure di Ric Roland sono state pubblicate da Nona Arte e anche vendute in allegato a La Gazzetta dello Sport in edicola.

Leggete le nuove avventure dell’eroe in Le nuove inchieste di Ric Roland: 1

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui