La prossima collaborazione tra Scott Snyder e Rafael Albuquerque (con Dave McCaig ai colori) ha ora un nome: American Vampire 1976, in arrivo il 20 ottobre.

“I personaggi del ’76 si trovano in un luogo davvero oscuro quando si tratta di lotta contro il male”, afferma Snyder, “Gli anni ’70 rispecchiano la nostra era attuale in molti modi: l’ansia, la paura e la rivisitazione dell’identità americana”.

“Il fumetto si apre con Skinner Sweet che lavora fuori Las Vegas facendo acrobazie mortali in stile Evel Knievel, cercando di morire”, continua lo scrittore.

“C’è una specie di complotto del Figlio di Sam a New York City con Cal e Travis, un thriller politico con Felicia e ogni sorta di iconografia degli anni ’70. Finora è il mio arc preferito”.

L’ambientazione

Ambientata nel 1976, questa serie di nove numeri gioca sul tumulto e sull’ansia durante il Bicentenario degli Stati Uniti.

“Skinner Sweet ha esaurito tutti gli sforzi per riguadagnare la sua immortalità perduta. Con i suoi poteri e il suo scopo spariti, ora è determinato a uscire con il botto”, recita la descrizione.

“In una squallida manifestazione motociclistica nel deserto in cui Skinner è più vicino che mai al suo desiderio di morte, Pearl Jones e un partner scioccante lo rintracciano per un’ultima missione disperata.

La forza conosciuta come Gray Trader e i suoi servi stanno scavando tunnel nelle viscere del mondo per scatenare l’inferno sulla Terra — giusto in tempo per il bicentenario americano. Con la catastrofe che incombe, tocca a Skinner e Pearl riconciliarsi e cambiare il corso della storia — o morire provandoci”.

Ma la nuova serie di American Vampire non riguarda solo Skinner, ma tutti i personaggi introdotti negli anni.

“American Vampire 1976 abbraccia ogni personaggio anche lontano del franchise, tra cui Dracula, il Signore degli incubi, il Consiglio dei mostri”, ha detto Snyder a Newsarama.

American Vampire 1976 segna i 10 anni di Scott Snyder in casa DC

Il titolo Vertigo (che ora diventerà un titolo Black Label) ha segnato anche il debutto di Snyder in DC – e questo nuovo ciclo arriva nel decimo anniversario della sua permanenza nella casa editrice di Batman.

A tal riguardo il direttore esecutivo della DC Mark Doyle ha detto: “Tornare a finire la storia che abbiamo iniziato dieci anni fa è un brivido.

Lavorare su American Vampire 1976 è stato così inquietante e bello, soprattutto perché i parallelismi tra la paranoia degli anni ’70 e oggi sono davvero agghiaccianti…”

L’annuncio DC definisce questo ciclo di American Vampire come il “capitolo finale” del franchise, tuttavia Snyder chiarisce subito a Newsarama che non è “la fine”:

“American Vampire 1976 ci porta al presente”, spiega Snyder, “dato che la serie è stata precedentemente ambientata nel passato. Dopo questo passeremo ai giorni nostri”.

Insomma ci aspettano ancora molti inquietanti anni in compagnia di American Vampire.

Avete letto i volumi precedenti? American vampire

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui