Scarface: Luca Guadagnino parla delle sue motivazioni per il remake

Il regista ha parlato del remake.

0

Il regista di Scarface, Luca Guadagnino, ha rivelato perché ha scelto di occuparsi del remake: Scarface, per lui, ha qualcosa da dire anche sul nostro mondo attuale.

Quando il film è stato annunciato, molte persone si sono domandate come sarebbe stato uno Scarface moderno. Guadagnino pensa che la storia sia un terreno fertile nel 2020 e ha parlato con Variety delle sue motivazioni, dato che il film di Brian De Palma e Oliver Stone ha avuto un grande significato per lui come giovane regista.

“La gente dice che faccio solo rifacimenti, ma la verità è che il cinema si è rifatto da solo durante la sua esistenza. Non perché è un modo pigro per il non riuscire a trovare storie originali. Si tratta sempre di vedere cosa dicono certe storie sui nostri tempi”, ha spiegato Guadagnino. “Il primo “Scarface “di Howard Hawkes riguardava l’era del proibizionismo. Cinquant’anni dopo, Oliver Stone e Brian De Palma realizzano la loro versione, che è così diversa dal film di Hawkes. Entrambi sono però ugualmente due meravigliosi film. Speriamo che il nostro, oltre quaranta anni dopo, sarà l’ennesima degna riflessione su un personaggio che è un paradigma per le nostre compulsioni, per l’eccesso e l’ambizione. Penso che la mia versione sarà di grande attualità”.

Gabriel Luna ha abbandonato il progetto all’inizio di quest’anno. È uno sviluppo travagliato quello di Scarface, che ha visto cambiare registi e sceneggiatori molto velocemente, come per esempio David Ayer di Suicide Squad.

Vedremo se Guadagnino saprà trovare la via giusta.

Rivedete il classico Scarface (1983) (Special Edition)

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST