Watchmen 2: Damon Lindelof parla della sua esperienza e del futuro

Lo showrunner ha parlato in generale della serie.

0

Dicembre ha visto il finale dell’adattamento ad opera di Daman Lindelof del fumetto di Alan Moore e Dave Gibbons, e, dopo mesi in cui lo showrunner e creatore ha più volte detto di non essere interessato a tornare per una seconda stagione, ha ribadito i suoi pensieri sul futuro dello spettacolo.

ATTENZIONE: SPOILER SUL FINALE DI WATCHMEN!

In un’intervista con Collider, Lindelof ha detto che non si è necessariamente “eliminato” dal fare un’altra stagione della serie, ma è piuttosto interessato a vedere qualcun altro prendere le redini e scriverne un secondo capitolo.

“L’eredità di Watchmen sono Alan [Moore] e Dave [Gibbons] che lo hanno creato ed è lì da 30 anni, ovviamente Zack [Snyder] ha realizzato il suo film che era un adattamento piuttosto canonico dei 12 numeri, e poi abbiamo fatto la nostra stagione in televisione”, ha detto Lindelof.

“Quello è stato il mio turno. Mi sono messo in mezzo alla pista da ballo per un minuto e ho fatto la mia mossa, ma poi ti sei ritirato sul bordo della pista ed è il turno di qualcun altro di ballare. Basti dire che voglio solo ciò che è meglio per Watchmen, questa cosa che amo, ed è che qualcun altro faccia il suo tentativo. Penso che sarà molto più interessante di qualsiasi cosa che farei io andando avanti. E non è che do la cosa per scontata. Ho imparato che non lavorare di nuovo con gli attori è stupido, quindi mi piacerebbe lavorare di nuovo con Carrie Coon e mi piacerebbe lavorare di nuovo con Regina King e Jean Smart e Tim Blake Nelson e Justin Theroux e Kevin Carroll e Jovan Adepo, con cui ho lavorato due volte ora. Questi attori del mondo di Watchmen”.

“Ma allo stesso tempo, a meno che non abbia un’idea che sia importante per me come lo era Tulsa ’21, non dovrei farlo. E non ho avuto questa idea, e voglio creare uno spazio per le persone che hanno un’idea. Voglio creare lo spazio affinché le persone possano farsi avanti e dire “Ho un’idea””.

Anche se non crede che ci sarà lui a capo di una seconda stagione della serie, Lindelof crede che alla fine verrà realizzata con un nuovo showrunner in futuro e dovremo vedere se continuerà da dove si è conclusa la prima stagione o “fanno un tipo completamente diverso di storia di Watchmen”.

“Vedo molte persone che sono catalizzate e interessate a come sarebbe il mondo se fosse rimodellato da Angela Abar”, ha detto Lindelof. “Non ho una buona risposta a questa domanda (ride). Ciò che è chiaro è che è disposta a diventare un dio, perché altrimenti dovrebbe mangiare un uovo come fa lei? Quindi sta accettando la sfida. Una sfida lanciata non da Jon Osterman, Cal Abar o Dottor Manhattan o da qualunque cosa tu voglia chiamarlo, ma in realtà una sfida che le viene lanciata da suo nonno. L’ultima cosa che le dice, parlando del Dottor Manhattan, è “Era un brav’uomo ma avrebbe potuto fare di più””.

Quindi ora abbiamo la sensazione che Angela si stia almeno determinando a fare di più. Quindi, indipendentemente dal fatto che funzioni o meno, questo è fondamentalmente l’invito all’azione per tutti noi in questo momento… Questo è ciò che mi dà ottimismo. Questa era l’idea anche in Tomorrowland. Il futuro non è qualcosa che ti accade, è qualcosa che fai accadere. Quindi, mostrando che Angela è disposta a provare a fare di più, questa è la voglia di ottimismo. Quindi, se in pratica stiamo dicendo: “Non credo che questo momento porterà a un futuro migliore”, quello che sto ascoltando è “Quindi non sei disposto a fare nulla al riguardo”.

Rileggete l’opera originale Watchmen. Ediz. deluxe

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui