Giappone: leggi più severe contro la pirateria di manga

Nuove pene per i trasgressori.

0

Quando si tratta di manga, l’industria giapponese porta avanti una battaglia senza quartiere contro i siti pirata che tolgono profitti alle case editrici; e infatti il Giappone ha approvato nuove leggi sul copyright per combattere meglio i pirati; leggi che entreranno in vigore a partire dal prossimo anno.

La nuova legge è stata approvata alla fine della scorsa settimana dopo che il parlamento si è riunito per modificare la legge sul copyright in Giappone: la legge estende la potestà del governo di punire chiunque scarichi consapevolmente manga in maniera illegale. Questo vale per chiunque stia piratando il manga o semplicemente caricandolo illegalmente. La misura approvata entrerà in vigore il 1° gennaio.

L’intento punitivo, ora, si estenderà anche ai siti “sanguisughe”, ovvero i siti Web che raccolgono collegamenti a manga piratati e li condividono con gli utenti tramite un collegamento ipertestuale. Anche se non sono il sito che ospita il manga pirata, fungono da fonte per tali contenuti.

Attualmente, si consentirà ai fan di scaricare solo parti di manga. In ogni caso nella definizione non sono inclusi fan-works di alcun tipo.

Veniamo alle pene: per chi scarica contenuti protetti da copyright la pena massima è di due anni di prigione o una multa di 2 milioni di yen. I proprietari dei siti possono subire una pena più severa con pene detentive di cinque anni e multe aggiuntive.

Quindi meglio comprare in originale, come Paranoia Agent- La Serie Completa (2 Blu-Ray) (Limited Edition) (2 Blu Ray)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui