Nel corso della stessa intervista a SyFy in cui ha parlato del live action di One Piece, Marty Adelstein ha toccato il delicato tema del whitewashing a proposito della serie live action basata sul cult anime Cowboy Bebop che sta producendo insieme a Netflix.

Adelstein ha dichiarato che lo staff si è sforzato al massimo per evitare lo stesso tipo di trappole in cui sono caduti altri adattamenti live action di anime in passato, accusati di whitewashing (come i film hollywoodiani di Ghost in the Shell e Death Note) — ovvero di affidare ad attori caucasici parti di personaggi di un’altra etnia.

Ha aggiunto: “Abbiamo la compositrice originale, Yoko Kanno, a fare musica. I personaggi sono tutti multietnici ed è un cast grandioso. E i due episodi che ho visto sono molto divertenti. È davvero divertente.”

Il live action di Cowboy Bebop si comporrà di 10 episodi, prodotti in collaborazione tra Netflix e Tomorrow Studios con la consulenza di Shinichiro Watanabe, regista della serie anime originale, e la produzione esecutiva di Yasuo Miyakawa, Masayuki Ozaki e Shin Sasaki di Sunrise.

Tre episodi sono già stati completati.

Yoko Kanno, compositrice della serie animata originale, curerà la colonna sonora.

Il cast comprende John Cho (Spike Spiegel), Mustafa Shakir (Jet Black), Daniella Pineda (Faye Valentine), Alex Hassel (Vicious) ed Elena Satine (Julia). È stato confermato che Ein sarà un corgi come nella serie anime.

La produzione si è fermata lo scorso Ottobre poco dopo l’inizio delle riprese a causa dell’infortunio di John Cho; una seconda stagione è in fase di valutazione.

Riscopriamo Cowboy Bebop – The Complete Series (Eps 01-26) (Box 4 Dv)

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui