The Last of Us Part II sarà un gioco “divisivo” per i fan

Il gioco potrebbe aver fatto delle scelte particolari?

1

Secondo il direttore creativo di The Last of Us Part 2, Neil Druckmann, l’imminente e tanto attesa esclusiva per PS4 sarà “divisiva”, ma “in un modo eccitante”. Mentre il primo gioco, pubblicato nel 2013, è stato universalmente elogiato, sembra che il suo sequel potrebbe non seguire la stessa strada, o almeno la sua narrativa sta correndo alcuni rischi che potrebbero non accontentare tutti i giocatori.

Secondo Druckmann, con Part II, c’era il timore che la squadra avrebbe rovinato tutto e perso ciò che ha reso il primo gioco – ampiamente considerato uno dei migliori giochi di tutti i tempi – così speciale. Tuttavia, il direttore creativo pensa che lui e il suo team abbiano creato una storia che darà ai giocatori le stesse sensazioni del primo gioco.

“C’è sempre il timore che quando crei qualcosa di eccezionale, e ci torni, lo rovinerai. Stai andando a rovinare ciò che l’ha reso così speciale”, ha detto Druckmann. “Il test per noi è stato poter inventare una storia che può resistere da sola ed essere significativa e avere peso.. la stessa sensazione che abbiamo provato quando abbiamo creato la storia per la prima parte”.

In aggiunta a ciò, la scrittrice Halley Gross ha affermato che era importante per il team onorare Ellie e Joel nella storia del gioco. Tuttavia, sembra che il gioco rifletterà alcune scelte narrative, soprattutto sul tema della violenza:

“So che anche in studio abbiamo avuto molte discussioni filosofiche su alcuni degli eventi e su ciò che accade nel gioco”, ha aggiunto Druckmanm. “E sto pensando che questo potrebbe essere più divisivo del primo gioco in un modo molto eccitante dato che potrebbe sollevare queste interessanti domande filosofiche e chiedere ai giocatori di interpretare parte del materiale che è lì, e vedere la loro reazione”.

The Last of Us Part 2 uscirà in tutto il mondo il 16 giugno 2020 su PS4.

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

COMMENTA IL POST