Dark Nights: Death Metal – prime tavole e commento di Scott Snyder

Pubblicato il 9 Maggio 2020 alle 12:00

Ora che Scott Snyder è finalmente in grado di parlare dell’uscita di Dark Nights: Death Metal, dice che il fumetto ha un collegamento molto rilevante con la crisi attuale che stiamo vivendo.

Lavorando con Greg Capullo, Snyder ha avuto l’idea per la mini-serie Death Metal quando ha lanciato la serie Dark Nights: Metal.

Ma ora che la serie sarà finalmente lanciata il 16 giugno – dopo i ritardi causati dal coronavirus – Snyder ha capito che i temi sono ancora più rilevanti di prima.

La genesi di Death Metal

Come lo descrive Snyder, Death Metal è oscuro, ma “per quanto oscuro sia il mondo in cui si trovano gli eroi, il punto della storia è pieno di speranza e divertimento”.

“Intendo, ci siamo tutti uniti”, ha detto. “L’unico modo per attraversarlo è insieme”.

E per i lettori che potrebbero mettere in dubbio la continuity di DC dopo tutti i cambiamenti negli ultimi anni, Snyder afferma che il motto di tutta la serie è che tutto “conta”.

Newsarama ha parlato con Snyder per scoprire di più sull’evoluzione della serie, e cosa possono aspettarsi i lettori quando Death Metal arriverà finalmente nei negozi di fumetti a giugno.

Newsarama: Scott, come ti senti dopo che finalmente riuscirai a lanciare Death Metal nel mondo, in particolare dopo quest’ultimo ritardo?

Scott Snyder: Sì! Lo stiamo pianificando da più di tre anni. Quando ho lanciato il primo Metal, ho lanciato anche questa idea. Ho letteralmente lanciato le basi di questo progetto quando ho lanciato Metal.

Quindi avevo detto che se Metal andava bene, ciò che ci sarebbe piaciuto fare era costruire un’altra cosa che lega tutti i fili in un modo più grande, che affronta da dove sono venute alcune delle idee nel primo Metal, che si lega davvero alle storie classiche DC da Crisi sulle Terre Infinite a Crisi Infinita e Crisi Finale – tutti i grandi eventi cataclismici nella storia DC.

Fortunatamente, ai fan piace il primo Metal, e da allora ci siamo dedicati a questo, sperando di avere la possibilità di farlo.

Il panorama è cambiato un po’ nell’ultimo anno o due, in DC e nel mercato. Ma in un certo senso, ha finito per rendere l’evento più grande, e io penso migliore: ci ha dato più tempo, ci ha dato più cose su cui lavorare e abbiamo più cose da creare.

D: Quindi la storia si è evoluta da quel momento, quando è uscito Metal per la prima volta?

Snyder: Beh, l’ho finalizzato, in termini di tipo di storia che volevo fare… due New York fa [intende Comic Con di New York] – è allora che abbiamo iniziato a parlare, con un testo.

Quindi per noi è sempre stato il culmine di questa era. Penso che l’obiettivo sia cambiato un po’ in momenti diversi, in termini di quando sarebbe uscito, a causa dei diversi piani della DC.

Ma è stata davvero una liberazione. Questa è la storia che ho sempre voluto fare con Greg e [l’inchiostratore] John [Glapion] e [il colorista] FCO [Plascencia].

Continua alla pagina seguente…

Le tematiche di Death Metal

D: Prende in considerazione i temi di Metal o si collega davvero di più alle storie e ai temi della tua run su Justice League?

Snyder: Tutto questo.

Puoi leggerlo completamente senza aver letto altro. Voglio renderlo super chiaro.

È decisamente basato sulle cose che abbiamo fatto in Justice League e su Justice League Dark, Batman / Superman, The Flash e si basa sulle cose del primo Metal e su Doomsday Clock.

Non si basa solo sulle cose che ti aspetteresti, che hanno avuto un grande impatto sul DCU, ma anche sulle cose che pensiamo che avrebbero dovuto avere un impatto maggiore.

E stiamo costruendo qualcosa che abbia senso: un gigantesco ed epico crescendo in questa era di fumetti DC che dice “tutto ciò che leggi è importante”. Questo è il Post-It sul mio computer in questo momento.

Abbiamo diviso il fumetto in capitoli e il primo capitolo si intitola “Come tutto è importante”. In realtà è una battuta di Wonder Woman, dove dice “Oh, importa tutto”.

D: Di recente abbiamo parlato di come questa storia sembra riflettere alcune delle paure e delle preoccupazioni che la gente sta vivendo in questo momento. Ti senti come se la storia risuonasse in te in un modo diverso adesso?

Snyder: Sì, è sempre risuonata in noi questa storia, ma penso che abbia assunto un livello di importanza diverso per noi in questo momento e un diverso livello di emergenza.

Si trattava sempre del DCU che improvvisamente si trovava in un momento di tremenda oscurità. La cosa che ci ha davvero colpito, mentre lo stavamo scrivendo, non era quanto fosse buio: sarebbe sempre stato buio. E c’è un sacco di umorismo, sai. Proprio come il primo Metal, è pensato per essere un po’ una rivolta, in modo folle.

Ma ciò che ci ha colpito è stato il modo in cui la storia ha riflettuto su come stessimo vivendo il mondo in questo momento.

Quindi è diventato doppiamente giusto e importante farlo bene. Quindi tutti si sono impegnati di nuovo, nel team e in DC, per assicurarsi che avessimo abbastanza spazio, abbastanza legami, abbastanza supporto, abbastanza pagine in ogni numero. Il primo numero è sovradimensionato.

Si tratta di questo momento. Si tratta del perché, in tempi di tremenda oscurità – in un’improvvisa oscurità come questa – i nostri eroi contano più che mai.

D: Parliamo di alcuni dettagli della storia. Abbiamo visto il set-up per Death Metal alla fine di Year of the Villain: Hell Arisen, con Batman Who Laughs che sta aiutando Perpetua dopo che lei ha messo da parte Lex Luthor. Puoi descrivere dove si trova la Terra quando, mentre la descrivi, il DCU è in “tremenda oscurità”?

Snyder: Sì, alla fine abbiamo visto che Perpetua ha scelto Batman Who Laughs invece di Lex Luthor. Ora Batman Who Laughs è salito a proporzioni di quasi divinità, dominando sulla Terra, con dozzine e dozzine di malvagi Batmen.

E così gli ha dato la Terra per regnare mentre distrugge il Multiverso.

Gli eroi quasi non riescono a ricordare quasi esattamente cosa è successo loro. Ma ci vivono da mesi.

Wonder Woman è stata assegnata a Queen of Hell. Aquaman è il capo della flotta nera e pattuglia gli oceani. Harley gestisce le terre desolate su una iena mutante e gigante. E gli eroi sono tenuti in una prigione dentro il sole. E i cattivi sono tenuti a Themyscira in quello che ora è considerato l’inferno, sotto la superficie.

Tutti sono sorvegliati dai nuovi Cavalieri Oscuri, l’intero esercito di malvagi Batmen. E Batman Who Laughs governa questo mondo.

D: Sì, ok, inizia in un luogo buio.

Snyder: Lo fa. Ma soprattutto, ciò che voglio che le persone colgano da questo è che, se è oscuro il mondo in cui si trovano gli eroi, il punto della storia è pieno di speranza e divertentimento.

D: Divertente e un po’ esagerato, come avete fatto tu e Greg durante Dark Nights: Metal, giusto?

Snyder: Sì, sicuramente – è ancora più divertente, per me, del primo. È decisamente più selvaggio.

Ma non è solo divertente e esagerato. Nel complesso, si intende dire, siamo tutti insieme. L’unico modo per attraversarlo è insieme.

Quel tipo di connessione, quando ci si trova e si combatte insieme, è pensato per essere qualcosa di celebrativo.

Inoltre ha anche più sorprese di Metal. E conseguenze molto più grandi per il DCU.

D: Dalla scena introduttiva di cui mi hai parlato del Sergente Rock e dai personaggi che si presentano nelle anteprime e sulle copertine, sembra che tu stia usando tutti i giocattoli.

Snyder: Sì, tutti sono in questo fumetto, da Jonah Hex a Superboy Prime. Sai cosa intendo? Parallax. Non c’è una figura importante nel DCU che non vedrai.

Anche se Snyder non ha potuto commentare molto, come potrete vedere dalla pagina in alto quando la leggeremo Rock – o meglio una versione zombie del Sgt. Rock, che è prosciugato del suo sangue – romperà la quarta parete con un discorso su come sa che i lettori fedeli sono ancora là fuori, si prendono ancora cura e supportano l’industria, come buoni soldati. In una chat con The Beat lo scrittore di Death Metal Scott Snyder ha parlato di quello che stava succedendo.

“Voglio ringraziare tutti coloro che continuano a pompare linfa vitale nel settore in questo momento difficile, in particolare i rivenditori in prima linea e anche i fan”, ha detto Snyder. “Death Metal è sicuramente scritto come un ringraziamento a questo proposito. Vedrete una pagina con il discorso di Sgt. Rock… È decisamente in parte fuori di testa, ma quello che sta dicendo è quello che voglio dire ai rivenditori, ai fan e a tutti, a tutti coloro che mantengono alto lo spirito e pompano il sangue nei fumetti”.

Articoli Correlati

Fire Force ritorna nel weekend su Italia 2 con una maratona dei primi 10 episodi dell’anime che adatta il manga di Atsushi...

17/09/2021 •

19:06

Le uscite Edizioni BD e J-POP Manga del 22 Settembre 2021 includono il box con la trasposizione manga di Josée, la tigre e i...

17/09/2021 •

17:55

Cutie Honey Universe, la più recente serie anime ispirata alla seducente eroina di Go Nagai, godrà di una edizione doppiata in...

17/09/2021 •

15:00