Studio Ghibli: Steve Alpert, l’uomo che ha portato Miyazaki in Occidente

Pubblicato il 29 Aprile 2020 alle 12:00

Hayao Miyazaki e Studio Ghibli ora possono essere considerati nomi familiari in tutto il mondo, ma non è sempre stato così. Anche dopo aver rapidamente riscosso primi successi in Giappone con Nausicaä e Il mio vicino Totoro, è stato solo nel 1997 con Principessa Mononoke che hanno iniziato a guadagnare ampi consensi di critica all’estero.

A tale scopo, nel 1996 l’americano Steve Alpert è stato nominato capo della divisione internazionale di Studio Ghibli e della sua società madre all’epoca, Tokuma Shoten. Dato l’attuale successo di Ghibli, questo potrebbe sembrare un compito facile, ma in quel momento Alpert doveva destreggiarsi costantemente tra l’integrità incessante di Miyazaki e la riluttanza di grandi aziende come Disney e Miramax a correre rischi con uno studio di animazione allora in gran parte sconosciuto.

Di conseguenza, Alpert è stato inviato a lavorare in tutto il mondo, incontrando varie personalità.

Tokuma Shoten, Principessa Mononoke e Castorp

Tutto questo è stato raccontato nel suo prossimo libro Sharing a House with the Never-Ending Man, che non solo è uno sguardo straordinario sul funzionamento interno dello Studio Ghibli, ma è un ottimo esempio di stile di vita e di affari in Giappone. Quindi, SoraNews24 ha voluto parlare con Steve Alpert e imparare qualcosa in più su tutto questo.

– Grazie per aver dedicato del tempo a parlare con noi oggi. Mi è piaciuto molto il tuo prossimo libro Sharing a House with the Never-Ending Man, e devo dire… Lo spettacolo è piuttosto stravagante, no?

Steve Alpert: Ciao, grazie per avermelo proposto. Sì, “stravagante” è esattamente la parola giusta.

– Nel libro hai menzionato che durante il doppiaggio della versione inglese della Principessa Mononoke l'”Ugh” della famosa battuta di Claire Danes “Ugh, ho l’odore di un essere umano” è stato accidentalmente tagliato. Quindi, hai dovuto far spedire un nastro con l'”ugh” da Los Angeles a New York per reinserirlo. Quanto è costato quell'”ugh”?

Alpert: In realtà non l’ho mai scoperto. Più di quanto avrebbe dovuto, è quello che posso dire.

– Sulla copertina del tuo libro c’è un disegno del personaggio di Hans Castorp del film Si alza il vento; e sei la voce di Castorp nella versione giapponese.

Alpert: Sì, l’aspetto fisico del personaggio e il modo in cui Castorp si muove si basano su di me. Ho anche dato la voce nella versione giapponese. La mia comprensione, tuttavia, è che il personaggio del film era basato su Richard Sorge, un personaggio storico, una spia con connessioni con Germania e Russia.

– Quanto di Castorp Miyazaki ha basato su di te?

Alpert: Per quanto riguarda la somiglianza fisica, ho detto alla gente che Miyazaki, con il suo occhio eccezionale per la personalità, ha preso i miei movimenti, e essenzialmente sono perfettamente io, fisicamente. La mia unica lamentela è che il naso è troppo grande. Avessi avuto un naso così grosso non sarei stato in grado di mettermi il cibo in bocca, e non avrei potuto guardare in basso e vedere i miei piedi (ok, altre due cose: forse non sembro così vecchio e non fumo).

Penso che Miyazaki sentisse che con il mio background etnico (russo / polacco), le abilità linguistiche e la tendenza a sedermi in silenzio, ascoltare e assorbire discretamente le informazioni, se avessi vissuto in quel periodo di tempo, avrei potuto essere quella spia (anche se stare seduto in una riunione del Ghibli a prendere appunti sarebbe stato meno pericoloso di una segnalazione clandestina dell’esercito giapponese prebellico).

– Il titolo del libro si riferisce a Hayao Miyazaki, e il libro è pieno di intuizioni su di lui ovviamente, ma pensavo che la vera star della storia fosse Yasuyoshi Tokuma, il capo dell’ex società madre di Ghibli.

Alpert: Devo davvero ringraziarti per questo. Sì, Yasuyoshi Tokuma era un uomo estremamente affascinante e ho avuto il privilegio di conoscerlo un po’ e di vederlo in azione.

– È come un agente di puro caos attraverso l’intera faccenda.

Alpert: Era un personaggio di un’altra epoca. Non importa cosa ti stesse dicendo il tuo cervello razionale, era difficile resistere al suo fascino. Ma allo stesso tempo farselo piacere era più facile se tu eri in grado di essere al sicuro da lui. Toshio Suzuki mi ha protetto dal lato oscuro del signor Tokuma.

I creativi sotto il suo ombrello lo adoravano perché non interferiva mai con il loro lavoro né li spingeva in modo creativo a fare le cose solo per motivi di commercio.

– E così facendo costruì un impero esclusivamente sulla sua stessa energia cinetica al punto che sembrò crollare nel momento in cui morì.

Alpert: Vero, il declino delle attività di Tokuma è stato in parte dovuto all’assenza della sua figura carismatica. Ma era anche il risultato del modo in cui l’attività di intrattenimento / editoria stava cambiando allora. Le attività di Tokuma erano per lo più di vecchia scuola e / o lente ad adattarsi al cambiamento da analogico a digitale, o non abbastanza agili per farlo, o semplicemente costruite su un modello di business che era cambiato.

– Eppure, Tokuma aveva, seppure per caso, preso la decisione incredibilmente fortunata di tenere le mani della Disney lontane dai diritti digitali su tutte le opere di Ghibli, il che ha probabilmente salvato molti dei precedenti cataloghi dall’essere sepolti in Occidente.

Alpert: Tokuma ha ricevuto il consiglio di tenere i diritti digitali dai presidenti di alcune delle aziende più famose del Giappone. Potrebbe non aver capito il significato della parola “digitale”, ma l’idea di aggrapparsi a qualcosa che potrebbe essere prezioso gli sarebbe piaciuta. Per me, la grande sorpresa è stata che la Disney non pensava che i diritti digitali fossero un grosso problema. Ovviamente devi ripensare a quei tempi passati in cui gli ingegneri stavano facendo del loro meglio per ottenere 90 minuti in un singolo disco unico e fallire. Nessuno sapeva se avrebbero mai avuto successo.

– Sotto molti aspetti Tokuma sembrava l’opposto polare di un Miyazaki un po’ solitario e modesto, eppure Miyazaki disse che rispettava molto Tokuma, essendo stato anche l’oratore chiave del suo funerale. Perché pensi che fosse così?

Alpert: la personalità del signor Tokuma era quella di una persona pubblica. Era una persona più grande della sua stessa vita che coltivava attivamente. Per quanto ne so, anche in privato si esibiva. Amava un pubblico, grande o piccolo (preferibilmente grande). Immagino che tu possa vederlo come una performance art. Era molto bravo in questo. Gli artisti rispettano altri artisti che sono molto bravi in ​​quello che fanno.

Studio Ghibli e Disney

– Sei stato portato per aiutare Ghibli e altri interessi Tokuma all’estero, ma originariamente hai lavorato con Disney e hai continuato a lavorare a stretto contatto con loro in seguito. Quale diresti che sia la differenza più grande tra Ghibli e Disney?

Alpert: Wow. Ho 200 pagine per rispondere a questa domanda? Tante differenze.

Immagino tu intenda la differenza tra Ghibli e Disney Feature Animation, non l’intera Walt Disney Company, che è gigantesca e molto diversificata (Ghibli non possiede navi da crociera).

Le dimensioni sono ovviamente la differenza più grande. Ghibli realizza e distribuisce un film ogni due anni circa. La Disney in generale ne produce e distribuisce centinaia. E fa parte di una grande azienda.

– È vero, scrivi di frequenti interazioni con Miyazaki, Suzuki e Tokuma e tuttavia non sei mai stato nella stessa stanza con Michael Eisner (ex CEO Disney) fino a quando, ironicamente, non hai lavorato con Ghibli.

Alpert: Creativamente, suppongo che la differenza principale sia che a Ghibli i registi gestiscono lo studio. Alla Disney c’è un coinvolgimento aziendale, vale a dire che il motivo del profitto fa parte del mix. Ora questo non vuol dire che Disney Feature Animation o Pixar è / è stata interamente controllata da uomini d’affari che commerciano sull’arte. D’altra parte, uno studio gestito dai cineasti può prendere decisioni artistiche più rischiose di quelle gestite da uomini d’affari.

A Ghibli gli artisti che vogliono spingere la propria arte in termini di stile e contenuto sono i decisori finali. Non spingere troppo l’analogia, ma forse darei un’occhiata, ad esempio, ai film Pixar prima e dopo che diventasse parte della Disney. Agli uomini d’affari piacciono i sequel. Agli artisti piacciono le nuove opere. Se un effetto speciale è troppo sottile e anche costoso, un uomo d’affari potrebbe prendere una decisione. Un regista potrebbe fare l’opposto.

– Mentre lavoravi con Ghibli, sembra che tu sia stato spesso coinvolto nel ruolo di traduttore, e nel libro ho pensato che avresti potuto fare a meno di un lavoro ingrato, oltre che a dare alcuni ottimi consigli per altri traduttori.

Alpert: Grazie ancora per aver notato il lavoro ingrato della traduzione. Per quanto tu lo faccia bene, qualcuno lo troverà difettoso (e non necessariamente si sbaglierà).

– E anche se fai un lavoro straordinario, il tuo successo viene semplicemente misurato dal fatto che nessuno che se ne accorge. In un caso durante la traduzione della Principessa Mononoke, Miyazaki ti ha incaricato in modo specifico di non riferirti a quei cannoni usati dai soldati come “fucili (rifles in inglese)” ma alla fine ti sei arreso e li hai chiamati comunque così. Miyazaki l’ha mai scoperto?

Alpert: Stranamente, questa non è la prima volta che mi chiedono specificamente dei “fucili”. Miyazaki dice, e per quanto ne so è del tutto vero, che una volta finito con un film non vuole guardarlo di nuovo. Perché? Dice perché trova sempre cose che avrebbe voluto fare meglio (parte del motivo per cui Suzuki-san lo ha definito “l’uomo senza fine” – in giapponese significa anche l’uomo che non finisce mai).

Penso che se ci fosse o fosse stato un modo per non chiamarli fucili, sarei stato elettrizzato nel scoprirlo. Si trattava di fare la cosa giusta per la versione inglese del film. Penso che Miyazaki avrebbe capito.

Lo ha mai scoperto? Il mio libro è stato pubblicato per la prima volta in Giappone in giapponese e mi è stato detto che Miyazaki lo avrebbe letto. Se si fosse imbattuto in quella parte, non mi avrebbe mai detto nulla.

– Hai presentato La Città Incantata all’Orso d’oro e hai partecipato personalmente alla cerimonia perché gli altri non volevano andarci. A proposito, ho trovato un video della tua premiazione su YouTube.

Alpert: Grazie per la clip ma non mi piace guardarmi in TV.

– L’hai scritto tu – anche se in quel momento pensavi che stesse scherzando – Toshio Suzuki ha detto che ti avrebbe licenziato se non avesse vinto. Perché?

Alpert: In realtà non sono sicuro del perché Suzuki-san l’abbia detto. Dal momento che in realtà non ci credevo in quel momento, non ci ho mai pensato. Dal mio punto di vista è stata una decisione abbastanza semplice. Andare a Berlino in competizione era chiaramente la cosa giusta da fare. Mi piacerebbe poter affermare che, anche se ho rischiato di essere licenziato, ho fatto la cosa giusta. Ma dal momento che non credevo davvero che sarei stato licenziato, non posso affermarlo.

Il solo fatto di essere stati invitati a partecipare a Berlino era già una vittoria. Sarebbe stato il primo film d’animazione ad essere accettato. Il nostro distributore europeo, Vincent Maraval di Wild Bunch, ha affermato che sarebbe stato enorme essere accettati, anche se non avessimo vinto, e io ho rispettato la sua esperienza.

Potrei essere stato licenziato se il film non avesse vinto l’Orso d’Oro? Odio usarlo eccessivamente, ma riassumerò la situazione con un haiku:

Takotsubo ya
Hakanaki yume wo
Natsu no tsuki

(Un polpo si trova in una trappola per polpi
Sogni evanescenti
Sotto una nebbiosa luna estiva)

Festival del cinema di Berlino. Cosa potrebbe andare storto?

Principessa Mononoke e La Città Incantata in Occidente

– Parlando di polpi che vivono in trappole, portare la Principessa Mononoke al pubblico occidentale è stata un’impresa enorme che ha richiesto un sacco di lavoro e fortuna. E come persona responsabile di tutto ciò, il tuo collo era costantemente in pericolo.

Alpert: Come ho detto nel libro, Suzuki mi ha detto di distribuire i film Ghibli al di fuori del Giappone, voleva ottenere un successo critico e un successo commerciale, ma, se non entrambi, almeno uno di loro. Il successo della critica è stato un gioco da ragazzi (ho pensato) perché i film sono fantastici. Veramente.

Non sono mai stato soddisfatto del raggiungimento del tipo di successo commerciale che pensavo meritasse il film, sebbene in teoria avessimo alle spalle tutta la potenza e il peso della macchina Disney. Li abbiamo proiettati, tradotti e visti, e quello era certamente qualcosa.

– Penso che ci sia voluto un po’ di tempo, ma la Principessa Mononoke ha trovato il suo pubblico globale, e probabilmente anche finanziariamente continua ad essere un costante guadagno con i video domestici e lo streaming e quant’altro. Immagino che la longevità sia stata probabilmente aiutata mantenendola intatta, mentre la Disney sembrava più interessata a un rapido ritorno.

Alpert: Non sono un esperto di marketing e ho vissuto in Giappone per 30 anni, non sono un esperto del mercato statunitense dei film. Ma è mia convinzione personale che se provi a posizionare qualcosa non come è, ma come vuoi che sia, non ci riuscirai. Devi lasciare che il film che stai commercializzando sia quello che è. A volte è un rischio. Ma i migliori risultati non vengono mai raggiunti senza alcun rischio. La macchina Disney non si occupa di rischiare.

Se si confrontano gli artwork per le uscite statunitensi dei film Ghibli con quelle giapponesi, penso che si possa vedere come la Disney ha cercato di rendere i film Ghibli meno giapponesi

È stata una buona cosa? Secondo me, sicuramente no. Le persone alla Disney (alcune persone alla Disney) pensavano che sarebbe stato d’aiuto. Non sono d’accordo.

– Penso che ci siano molti parallelismi con il recente film di successo Your Name. Tuttavia, nonostante abbia un simile slancio alle spalle, Your Name non sembra avere lo stesso impatto al di fuori del Giappone. Perché pensi che sia così?

Alpert: non ho familiarità con il modo in cui Your Name è stato commercializzato negli Stati Uniti. Quindi tutto quello che posso dire è che penso che la differenza con la Principessa Mononoke potrebbe avere a che fare con il fatto che lo slancio dietro la Principessa Mononoke includesse il catalogo dei film Ghibli da Nausicaa della Valle del Vento a Pom Poko e così via. Anche se i film di Ghibli non erano stati distribuiti all’estero, molte persone li conoscevano, anche se solo per reputazione.

– In tutta la follia dell’uscita della Principessa Mononoke in Nord America, hai anche incontrato il famigerato Harvey Weinstein, che all’epoca dirigeva Miramax, in diverse occasioni.

Alpert: Sì, ma era noto per un motivo completamente diverso allora.

– In un caso ti ha davvero preso di mira per un bizzarro motivo di fronte a Miyazaki e Suzuki. Non rovinerò i dettagli, ma mi è sembrato molto brusco.

Alpert: No, non c’è stato un vero scontro. Eravamo seduti a un tavolo del ristorante a bere mojito e chiacchierare amichevolmente e all’improvviso se ne andò. Sebbene Miramax fosse il nostro distributore, il nostro contratto e il nostro rapporto erano con la Disney. Miramax era appena diventata parte della Disney e penso che a Harvey fosse stato detto di non menzionare nemmeno l’idea di tagliare il film.

– Quindi, suppongo che non gli piacesse la cosa. Ti ha persino detto il vecchio cliché “NON LAVORERAI MAI PIÙ IN QUESTA CITTÀ”, nonostante tu lavorassi in Giappone.

Alpert: La mia ipotesi è che fosse frustrato. Tagliare film stranieri per farli andare per un pubblico americano era notoriamente la sua passione. Probabilmente credeva che il taglio avrebbe reso la Principessa Mononoke un successo commerciale negli Stati Uniti. Lui e il suo team potrebbero anche aver creduto che un taglio avrebbe reso il film “migliore”. Anche dal punto di vista di un pubblico americano. L’accaduto immagino fosse la sua frustrazione per non poter nemmeno parlare del taglio del film.

– Ho pensato che il libro nel suo insieme fosse uno sguardo molto equilibrato su come si fanno gli affari in Giappone sia in Ghibli che in generale. Pur sottolineando molte delle sue idiosincrasie con cui molti stranieri che lavorano in Giappone lottano e possono relazionarsi, sembra che non ci si guardi mai in faccia.

Alpert: Quindi sì, trovo le idiosincrasie e molto del modo in cui gli affari vengono tradizionalmente fatti in Giappone interessanti e talvolta, almeno per me, divertenti. Tuttavia, quando un’azienda giapponese si concentra su qualcosa, lo fa in modo affidabile e corretto, se non necessariamente in modo efficiente. Per la maggior parte se un lavoratore giapponese fa qualcosa, puoi contare sul fatto che sia fatto bene. Mia moglie, che è giapponese, non si stanca mai di segnalarmelo.

– Quindi, sono curioso di sapere se pensi che il modo unico di operare del Giappone si stia riflettendo ora nella lotta contro il COVID-19 (per ora almeno …)?

Alpert: Penso che ci siano alcuni comportamenti giapponesi comuni in un ambiente d’ufficio che potrebbero rivelarsi utili nel trattare il COVID-19. Essere abituati a indossare maschere e non stringere la mano, ovviamente. Essere bravi a seguire le istruzioni in modo affidabile. E paradossalmente, rifiutarsi di lasciare l’ufficio anche quando non c’è più lavoro da fare per evitare di apparire negativi verso i colleghi.

Negli anni in cui ho lavorato in Giappone, ho visto spesso persone che dormivano ai loro tavoli, non perché avevano del lavoro da fare, ma perché alcune persone stavano ancora lavorando e quelle che non lo facevano non sarebbero andate via fino a quando tutti non se ne fossero andati. Questo potrebbe essere utile per combattere il COVID-19. Perché? Perché a quelle persone che in realtà non devono esserci può essere detto di andare a casa. E altre persone che non hanno bisogno di essere in ufficio per fare il loro lavoro ma lo fanno solo per essere visti lavorare sodo possono anche lavorare da casa.

Anche gli animatori possono lavorare in remoto, almeno in parte. È stato così prima che Ghibli diventasse uno studio. Ora è molto più facile farlo con assistenza digitale e smartphone e tablet.

…C’è una storia che posso raccontarti che potrebbe o meno essere correlata alla tua domanda precedente. Quando mi sono unito a Tokuma Shoten per la prima volta, ero alla prima settimana di lavoro quando ho saputo che il mio stipendio era stato ridotto. Non ricordo le circostanze esatte ma penso che il gruppo di società Tokuma abbia avuto il suo primo anno davvero brutto e il signor Tokuma (o i suoi banchieri) avevano deciso che tutti i dirigenti del gruppo e i membri del consiglio di amministrazione avrebbero avuto un 15% di riduzione del salario.

Ero sia un dirigente che un regista e non ero esattamente contento che lo stipendio che avevo negoziato (sono ancora un americano) fosse stato tagliato sommariamente. Non mi ha fatto piacere, ma sono rimasto colpito dal fatto che il livello più alto del management si assumesse la responsabilità delle decisioni che hanno causato la perdita di denaro dell’azienda. Nelle compagnie americane con cui ho familiarità l’ordine sceso dall’alto sarebbe stato di tagliare il personale, tagliare le spese e licenziare le persone. A Tokuma Shoten ciò non è accaduto.

Se volete sapere qualche aneddoto in più, recuperate il libro di “Castorp”…

Articoli Correlati

Attenzione: quello che scriveremo in questo articolo contiene SPOILER. Se sei quindi sensibile a questo argomento non leggere!...

15/01/2022 •

09:32

Il 3 Marzo 2022 esce nelle sale The Batman e le uscite Panini DC Italia celebrano l’evento con numerosi volumi dedicati al...

15/01/2022 •

09:04

Nonostante la grande incertezza che circonda il network The CW al momento, l’espansione dell’Arrowverse potrebbe continuare...

15/01/2022 •

08:02