Amazon Prime Video non più gratis per il Coronavirus

Il tutto sarebbe nato da un equivoco.

0

Due giorni fa vi avevamo parlato della lodevole iniziativa di Amazon, che aveva reso gratuito il servizio Prime Video per tutti i residenti nelle zone rosse, ovvero la Lombardia e le 14 province italiane indicate dal Governo con il decreto del giorno 8 marzo 2020.

Ora tuttavia Amazon Prime Video non risulta più indicato tra le iniziative di Solidarietà Digitale, il sito della Pubblica Amministrazione che indica le agevolazioni che alcune società riservano agli utenti residenti nelle zone contagiate.

Questo sembra sia dovuto ad un equivoco nato sin dall’origine tra Amazon e il Governo: stando a quanto indicato dalla società a Tech Princess l’accordo riguardava l’iniziale zona rossa, quindi, si suppone, i comuni originalmente in quarantena.

Tuttavia il colosso dell’e-commerce dovrebbe aver già riaperto le trattative con il Governo nel tentativo di trovare una nuova soluzione.

Restano invece attivi i servizi offerti da Amazon al fine di agevolare il lavoro degli insegnanti in questo difficile periodo, in cui gli studenti non possono andare a scuola.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui