Le origini della nuova Batmobile

0

Dopo aver mostrato i primi dettagli del nuovo costume che Robert Pattinson indosserà nel suo The Batman, il regista Matt Reeves ha colto i fan di sorpresa e poche sere fa ha mostrato un altro tassello fondamentale nella mitologia del Cavaliere Oscuro: la Batmobile.

Da sempre uno degli elementi più ambiti da disegnatori, concept designer e artisti di ogni calibro – anche il grande H.R. Giger si cimentò con l’auto per una versione cinematografica – Reeves ha spiazzato tutti optando per un approccio decisamente più concreto con una Batmobile che mai come prima d’ora assomiglia… ad una “semplice” auto!

Mentre i fan si confrontano su questo insolito design, con le immancabili “tifoserie” contrapposte, scaviamo in quelle che potrebbero essere state le origini fumettistiche e non solo del nuovo bolide.

LE ORIGINI FUMETTISTICHE

A tutti, immediatamente, il design della nuova Batmobile ha portato alla mente le muscle car americane protagoniste di un franchise di successo come Fast & Furious ma, tolte le immancabile battute del caso, questa è forse la prima Batmobile ricollegabile direttamente ad alcune versioni viste nei fumetti di Batman.

Abbandonando concept futuristici e applicazioni militari di vario genere, il regista Matt Reeves ha infatti scavato nella produzione fumettistica batmaniana che va dalla fine degli anni ’60 attraversa tutti gli anni ’70 e termina negli anni ’80.

In quegli anni sono tantissimi i disegnatori che si cimentarono con l’auto e la ridisegnarono ovviamente seguendo i canoni dell’epoca. Stiamo parlando di artisti del calibro di Irv Novick, Jim Aparo e Neal Adams solo per citare i più noti.

Eccovi alcuni esempi da Batman #288, Suicide Squad #40 e Detective Comics #400:

Una storia in particolare tuttavia sembra aver ispirato Reeves e il design della Batmobile: Batman #408 – datato giugno 1987 e firmato da Max Allan Collins e Chris Warner.

Una storia già di per sé fondamentale – c’è la prima apparizione di Jason Todd, il futuro secondo Robin – che presenta una Batmobile molto, molto simile a quella mostrata dal regista:

Potete recuperare questa storia nel primo numero della serie Batman Vecchie e Nuove Superstorie della Glènat del settembre 1992 oppure nel volume DC Comics: Le Grandi Storie dei Supereroi 95 intitolato Batman – Seconde Possibilità Parte 1.

LE ORIGINI “MECCANICHE”

Nella storia televisiva e cinematografica di Batman, la costruzione della Batmobile è stata sempre un lavoro complesso non solo dal punto di vista del disegn ma anche meccanico con ingegneri e veri e propri artigiani dell’auto che, unendo componenti reali o costruiti appositamente, hanno assemblato veicoli unici e iconici.

Il designer della nuova Batmobile, Ash Thorp, ha pensato alla nuova auto affinché “sia fatta per correre piuttosto che per sparare”.

Questo approccio è evidente nella trazione posteriore, il motore posto nel vano posteriore appunto, che monta quello che ha tutta l’aria un V10 bi-turbo!

Se l’enorme scarico posteriore inoltre ricorda la turbina atomica della indimenticabile Batmobile della serie TV con Adam West e Burt Ward degli anni ’60, la carrozzeria trasuda muscle car tutte a stelle e strisce ed in particolare: Chevy Camaro degli anni ’60, Dodge Charger degli anni ’70 e soprattuto Plymouth Barracuda.

Il posteriore invece sembra preso in prestito da una Lamborghini Miura, unaCorvette’s Mako Shark IIe una Manta Ray.

Cosa ne pensate della nuova Batmobile?

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui