Le origini della nuova Batmobile

Pubblicato il 8 Marzo 2020 alle 15:00

Dopo aver mostrato i primi dettagli del nuovo costume che Robert Pattinson indosserà nel suo The Batman, il regista Matt Reeves ha colto i fan di sorpresa e poche sere fa ha mostrato un altro tassello fondamentale nella mitologia del Cavaliere Oscuro: la Batmobile.

Da sempre uno degli elementi più ambiti da disegnatori, concept designer e artisti di ogni calibro – anche il grande H.R. Giger si cimentò con l’auto per una versione cinematografica – Reeves ha spiazzato tutti optando per un approccio decisamente più concreto con una Batmobile che mai come prima d’ora assomiglia… ad una “semplice” auto!

Mentre i fan si confrontano su questo insolito design, con le immancabili “tifoserie” contrapposte, scaviamo in quelle che potrebbero essere state le origini fumettistiche e non solo del nuovo bolide.

LE ORIGINI FUMETTISTICHE

A tutti, immediatamente, il design della nuova Batmobile ha portato alla mente le muscle car americane protagoniste di un franchise di successo come Fast & Furious ma, tolte le immancabile battute del caso, questa è forse la prima Batmobile ricollegabile direttamente ad alcune versioni viste nei fumetti di Batman.

Abbandonando concept futuristici e applicazioni militari di vario genere, il regista Matt Reeves ha infatti scavato nella produzione fumettistica batmaniana che va dalla fine degli anni ’60 attraversa tutti gli anni ’70 e termina negli anni ’80.

In quegli anni sono tantissimi i disegnatori che si cimentarono con l’auto e la ridisegnarono ovviamente seguendo i canoni dell’epoca. Stiamo parlando di artisti del calibro di Irv Novick, Jim Aparo e Neal Adams solo per citare i più noti.

Eccovi alcuni esempi da Batman #288, Suicide Squad #40 e Detective Comics #400:

Una storia in particolare tuttavia sembra aver ispirato Reeves e il design della Batmobile: Batman #408 – datato giugno 1987 e firmato da Max Allan Collins e Chris Warner.

Una storia già di per sé fondamentale – c’è la prima apparizione di Jason Todd, il futuro secondo Robin – che presenta una Batmobile molto, molto simile a quella mostrata dal regista:

Potete recuperare questa storia nel primo numero della serie Batman Vecchie e Nuove Superstorie della Glènat del settembre 1992 oppure nel volume DC Comics: Le Grandi Storie dei Supereroi 95 intitolato Batman – Seconde Possibilità Parte 1.

LE ORIGINI “MECCANICHE”

Nella storia televisiva e cinematografica di Batman, la costruzione della Batmobile è stata sempre un lavoro complesso non solo dal punto di vista del disegn ma anche meccanico con ingegneri e veri e propri artigiani dell’auto che, unendo componenti reali o costruiti appositamente, hanno assemblato veicoli unici e iconici.

Il designer della nuova Batmobile, Ash Thorp, ha pensato alla nuova auto affinché “sia fatta per correre piuttosto che per sparare”.

Questo approccio è evidente nella trazione posteriore, il motore posto nel vano posteriore appunto, che monta quello che ha tutta l’aria un V10 bi-turbo!

Se l’enorme scarico posteriore inoltre ricorda la turbina atomica della indimenticabile Batmobile della serie TV con Adam West e Burt Ward degli anni ’60, la carrozzeria trasuda muscle car tutte a stelle e strisce ed in particolare: Chevy Camaro degli anni ’60, Dodge Charger degli anni ’70 e soprattuto Plymouth Barracuda.

Il posteriore invece sembra preso in prestito da una Lamborghini Miura, unaCorvette’s Mako Shark IIe una Manta Ray.

Cosa ne pensate della nuova Batmobile?

TAGS

Articoli Correlati

Se dal punto di vista cinematografico le cose non sembrano procedere benissimo per Star Wars, su Disney+ si moltiplicano i...

17/01/2022 •

13:09

Tra le uscite J-POP Manga del 19 gennaio 2022 segnaliamo Miss Kobayashi’s Dragon Maid, la commedia che ha già conquistato i...

17/01/2022 •

12:24

Si sono ufficialmente chiusi i vari reshoots che hanno coinvolto la produzione di Doctor Strange: In the Multiverse of Madness e...

17/01/2022 •

11:55