Batman: il destino di Alfred deciso dalla DC

Tom King sembra destinato a rispondere per sempre su questo argomento.

0

ATTENZIONE: SPOILER PER IL BATMAN DI TOM KING

Il più grande momento di City of Bane è stato vedere il villain uccidere Alfred a sangue freddo. È stato così scioccante che sembra probabile che Tom King dovrà rispondere a domande a questo riguardo per il resto della sua carriera; e infatti ne ha ancora parlato con Word Balloon e John Siuntres dicendo che non era un fan della decisione di togliere Alfred di mezzo avendo un profondo amore e rispetto per il passato del personaggio. Ma, sfortunatamente, il maggiordomo ha dovuto lasciare la scena e il mondo di Batman è cambiato molto a causa di quella decisione.

“In un certo senso avevo questo cliffhanger in cui Alfred, alla fine, avrebbe dovuto morire. E l’ho messo nella sceneggiatura, con il presupposto che, ovviamente, come avremmo dovuto scoprire più tardi, non era davvero morto. E la DC dice “No, perché non è lui? Perché non è morto?” E io sono tipo “Beh, perché è Alfred e deve vivere per sempre perché è un personaggio fantastico”. E loro dicono “No no no no, è morto”.

“Non è che volessi far morire Alfred! Adoro quel personaggio”, ha detto King. “Per me è un momento per mostrare, alla fine di una lunga storia, la maturità di Bruce. Bruce è ovviamente definito dalla morte dei suoi genitori e dalla sua reazione a quella morte e da come ciò lo ha spinto a diventare Batman e a fare questa cosa assolutamente folle, che è vestirsi in pelle e dare calci e pugni alla gente ogni giorno. Ma è una cosa assolutamente folle che ha salvato il mondo. Quindi, qui ha la morte del suo vero genitore, Alfred, e la sua reazione non è la stessa. Questo è ciò che mi ha interessato al riguardo. Per me, ha dimostrato quanto Alfred lo avesse allevato”.

“Quindi Alfred è stato colui che lo ha portato dall’essere solo un bambino ad essere quest’uomo che, quando arriva una morte come quella di Alfred, può gestirla, e sono triste a dirlo, come la maggior parte di noi gestisce la morte. Sono abbastanza grande ora che ho perso persone vicine a me. È la cosa peggiore che può succedere a te e non la superi mai e la piangi per sempre. Ma diventa anche parte di te e il tuo lutto è una sorta di felicità perché ti connette ancora a quella persona. C’è una maturità in questo”.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui