Il 2020 di Dylan Dog con tante tavole in anteprima

0

Scavallato il traguardo del quattrocentesimo numero e sopravvissuto all’arrivo della meteora, l’Indagatore dell’Incubo ha iniziato una nuova vita. A parlarci del 2020 di Dylan Dog è Franco Busatta direttamente dal sito ufficiale della SBE.

Sulle pagine della serie regolare di Dylan Dog, sarà il ciclo di 6 albi siglati 666 a tenere banco durante la prima metà del 2020. I vari episodi sono basati su plot e personaggi tratti dalle primissime trame dylaniate, mixati con quelli introdotti di recente. Le sceneggiature saranno tutte a firma di Roberto Recchioni, mentre ai disegni si alterneranno nomi del calibro di Corrado RoiNicola MariSergio Gerasi e Giorgio Pontrelli, con incursioni di cartoonist molto apprezzati nella scena indie quali Francesco Dossena. Al termine del 666, torneranno gli altri sceneggiatori che hanno contribuito a dar lustro alla testata, a partire da Claudio Chiaverotti, sia con storie singole sia con nuovi cicli narrativi.

Il ColorFest di febbraio avrà un taglio piuttosto sperimentale, proponendo tre storie dai molteplici livelli di lettura. A maggio, invece, sarà il turno di un’unica vicenda, affidata ai testi di Gigi Simeoni e ai disegni di Davide Furnò, mentre in estate i riflettori torneranno a puntarsi su Groucho.

Nell’Old Boy in edicola a febbraio potrete ritrovare disegnatori come Giovanni FreghieriLuigi Piccatto e Emiliano Tanzillo, alle prese con i testi di Bruno EnnaGiovanni Eccher e Giancarlo Marzano. Ma grandi novità si profilano all’orizzonte, per la collana dedicata alle avventure dell’Inquilino di Craven Road così com’era prima dei rivoluzionari cambiamenti avvenuti sulla serie regolare. Restate sintonizzati per saperne di più.

Terminate le storie ambientate a Wickedford, sulle pagine del Dylan Dog Magazine Bloch continuerà a ricoprire un ruolo di primo piano con trame incentrate sul suo passato, grazie al duo formato da Paola Barbato e Giulio Camagni. In appendice, una storia breve, che vedrà come protagonista il giovane Dylan, dovuta ad Alberto Ostini e Paolo Bacilieri. In più, articoli, approfondimenti e dossier sull’annata horror appena trascorsa.

Intanto Alessandro Bilotta, autore di tutte le storie pubblicate annualmente sullo Speciale dedicato al Pianeta dei morti, sta attualmente scrivendo per i prestigiosi pennelli di Carlo Ambrosini.

La miniserie che vede invece come protagonista il Cacciatore di Mostri Daryl Zed, apparso originariamente in “Caccia alle Streghe”, continuerà ad apparire mensilmente in fumetteria fino a giugno. Ai testi ci sarà sempre Tito Faraci, mentre a illustrarla sono stati chiamati, dopo Mari, Angelo Stano e Werther Dell’Edera.

Tiziano Sclavi sarà nuovamente al timone del secondo volume di “I racconti di domani”, visualizzato da Mari per i colori di Giovanna Niro, in pubblicazione in tutte le librerie a fine primavera.

E dopo il n.0, andato a ruba a Lucca e successivamente riproposto in edicola con due storie di Batman, il trio Recchioni/Dell’Edera/Cavenago è al lavoro sul team-up tra l’Indagatore dell’Incubo e l’Uomo Pipistrello. A occuparsi della colorazione sarà ancora Giovanna Niro. Appuntamento in autunno a Lucca Comics & Games.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui