The Witcher: la timeline ufficiale

Chiarezza sulla timeline degli eventi della prima stagione di The Witcher.

0

La prima stagione di The Witcher ha proposto una narrazione divisa su due piani temporali, non chiaramente esplicitati ma comprensibili attraverso gli eventi stessi presentati. Netflix, a circa due settimane dall’arrivo in streaming della serie, ha voluto fare chiarezza sulla timeline della prima stagione tramite un’immagine condivisa su Twitter:

ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER PER LA PRIMA STAGIONE

La timeline inizia con l’anno 1210, quando Yennefer viene portata ad Aretuza (Episodio 2). Anche se Geralt è già esistente in quegli anni, questo è il periodo più “antico” che viene proposto in questa prima stagione.

Il secondo punto di riferimento è il 1249 (quando Geralt si è già guadagnato il soprannome di a “macellaio di Blaviken” ed è stato poi rapito dagli elfi insieme a Ranuncolo), con Geralt a Cintra che salva Pavetta e il suo promesso sposo acquistando il diritto di venire ricompensato attraverso la Legge della Sorpresa.

Poco tempo dopo, il Witcher incontrerà Yennefer (Episodio 5), già maga affermata, e vivrà insieme a lei l’avventura col drago; subito dopo questo momento, ci troviamo nel 1263, con Geralt che reclama Ciri per la Legge della Sorpresa (Episodio 7).

È qui che ci si riconnette a quanto raccontato nel primo episodio, con la  caduta di Calanthe e di Cintra per mano di Nilfgaard; e mentre Yennefer torna ad Aretuza da alcuni maghi per fronteggiare l’avanzata nilfgaardiana (Episodio 7), Ciri scappa (Episodio 1) e vivrà le sue avventure prima di incontrare Geralt (Episodio 8).

Pochi giorni fa, la showrunner della serie Lauren S. Hissrich, ha risposto ad alcuni commenti dei fan su Reddit rivelando dei dettagli riguardo alla trama della prossima stagione. “La prima stagione copre circa trent’anni della vita di Geralt, i mostri non sono estinti in quel periodo. Ma questo tema lo approfondiremo di più, in ogni caso, nel corso della prossima stagione.

Sarebbe stato un problema se i mostri non ci fossero stati, perché una tematica della prima stagione è proprio la necessità degli uomini dei Witcher, nonostante li odino. Questo è il problema: hanno bisogno di ciò che odiano.

Avevamo bisogno di mostrare l’odio per far capire al pubblico quanto Geralt sia estraneo a tutto questo, quindi abbiamo deciso di far restare i mostri per questa stagione” scrive la sceneggiatrice.

Ispirata al best-seller fantasy, The Witcher è una fiaba epica. Geralt di Rivia, un solitario cacciatore di mostri, lotta per trovare il suo posto in un mondo in cui le persone spesso si dimostrano più malvagie delle bestie.

Ma quando il destino lo spinge verso una potente strega e una giovane principessa con un pericoloso segreto, i tre devono imparare a convivere per affrontare insieme un viaggio.

Nel cast troviamo Henry Cavill (Geralt of Rivia), Anya Chalotra (Yennefer), Freya Allan (Ciri), Jodhi May (Calanthe), Björn Hlynur Haraldsson (Eist), Adam Levy (Mousesack), MyAnna Buring (Tissaia), Mimi Ndiweni (Fringilla), Therica Wilson-Read (Sabrina), Emma Appleton (Renfri), Eamon Farren (Cahir), Joey Batey (Jaskier), Lars Mikkelsen (Stregobor), Royce Pierreson (Istredd), Maciej Musiał (Sir Lazlo), Wilson Radjou-Pujalte (Dara) e Anna Shaffer (Triss).

La prima stagione della serie, composta da 8 episodi, è attualmente disponibile in streaming su Netflix.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui