Wonder Woman 1984: perché il film è ambientato negli anni ’80, dettagli sul villain

La regista spiega le scelte relative all'ambientazione del sequel, con nuovi dettagli sulle caratteristiche del villain.

0

Durante il recente CCXP, dove è stato mostrato il primo trailer per il film, la regista Patty Jenkins ha spiegato del perché è stata scelta, come ambientazione, quella degli anni ’80, riprodotti tra l’altro (come si vede nel traier) con grande maestria.

“Perché il 1984? Volevamo portare Diana nel mondo moderno, ma gli anni ’80 sono in un certo senso il sinonimo di Wonder Woman. È bello vederla muoversi lì, ma soprattutto è una sorta di picco della civilizzazione occidentale, da cui è partita la creazione del mondo in cui viviamo oggi.

Ero molto curiosa di vedere la nostra Wonder Woman scontrarsi nel momento clou dell’ascesa del nostro mondo moderno, che tipo di villain ne sarebbero risultati e semplicemente vedere cosa sarebbe successo. È arrivato tutto in maniera naturale”.

Da questo punto di vista, Maxwell Lord sembra essere il villain perfetto per questo contesto, con le aspettative sul personaggio di Pedro Pascal che, specie dopo il trailer, sono ora altissime.

La stessa regista ha introdotto il villain: “Max Lord è un personaggio proprio del periodo in cui è ambientato il film, è il re della pubblicità, sta vendendo un sogno al pubblico e farà di tutto per avere successo. Delle volte però, per la grandezza bisogna pagare un prezzo e questo è il caso del nostro villain”.

Anche Gal Gadot ha avuto modo di esprimersi su questo carismatico personaggio: “Ho avuto  diversi momenti divertenti con Pedro Pascal e quindi con Max Lord sul set, ma quello più significativo è probabilmente il primo incontro tra Diana e Max. Posso dire solo che lei non ha mai incontrato nessuno come lui”.

Ricordiamo che nella pellicola farà il suo esordio anche Cheetah, mentre ritornerà il grande amore di Diana, Steve Trevor (e uno degli elementi più interessanti del film sarà proprio scoprire come) che abbiamo simpaticamente visto nel trailer alle prese con le novità proposte dalla modernità.

Un rapido salto negli anni ’80 nella nuova avventura per il grande schermo di Wonder Woman, dove dovrà affrontare due nemici completamente nuovi: Max Lord e The Cheetah.

Con il ritorno di Patty Jenkins alla regia e di Gal Gadot nel ruolo principale, “Wonder Woman 1984” è il seguito della Warner Bros. Pictures del primo film campione d’incassi sulla supereroina DC, “Wonder Woman” del 2017, che ha incassato 822 milioni di dollari a livello mondiale.

Nel film recitano anche Chris Pine nel ruolo di Steve Trevor, Kristen Wiig nel ruolo di The Cheetah, Pedro Pascal in quello di Max Lord, Robin Wright nei panni di Antiope e Connie Nielsen nei panni di Hippolyta.

Considerata la fama di Wonder Woman come eroina, la pellicola si discosterà dalla timeline di Batman v Superman (che ha un ruolo sempre più marginale nei Worlds of DC, considerato anche il nuovo Batman) nella quale un Bruce Wayne esperto ha scoperto da poco l’esistenza di Diana Prince e della sua condizione di metaumano.

Attualmente la data d’uscita di Wonder Woman 1984, diretto da Patty Jenkins per una sceneggiatura della stessa Jenkins stessa e Geoff Johns, è prevista per il 4 giugno 2020.

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST