Come ho scritto in altre occasioni, la Leviathan Labs è una casa editrice che propone opere interessanti e ha dalla sua il pregio della versatilità poiché affronta numerosi generi narrativi. Lo dimostra The Barbarian King, un fumetto che di sicuro incontrerà il favore degli estimatori della sword & sorcery e, in particolare, quelli del celeberrimo Conan. Citarlo non è sbagliato, dal momento che la serie è ambientata proprio nell’Era Hyboriana immaginata da Robert E. Howard.

Il protagonista è Conan, ma in questo caso viene citato come Il Cimmero e Il Re Barbaro e questa versione è senz’altro meno edulcorata di quella Marvel. Le sue storie sono scritte da Massimo Rosi e Alessio Landi che hanno saputo evocare con maestria le atmosfere visionarie e inquietanti presenti nei libri del romanziere texano.

In questo secondo volume vedrete un barbaro avanti con l’età, spietato e coraggioso, ma non privo di malinconia e la trama abbonda di battaglie, stragi, orrori demoniaci e magia. Ha, insomma, tutti gli elementi che ci si può aspettare in un heroic fantasy che si rispetti.

La trama ruota intorno alle macchinazioni dello stregone Yara che in precedenza era stato imprigionato dal Re Barbaro. Dopo essersi liberato, intende, ovviamente, vendicarsi di lui.

Agisce, però, in maniera subdola, isolando il nemico dai suoi alleati. Ma l’isolamento non è solo fisico. E’ anche emotivo e spirituale e in questo tp avrete modo di vedere un Cimmero in un momento di particolare vulnerabilità. Gli autori giocano abilmente con tante idee di Howard come, per esempio, la strega Salomé, non rinunciando, tuttavia, a presentarle in maniera personale. La strega, per esempio, fa pensare a certe figure femminili dell’horror contemporaneo. In pratica, Rosi e Landi da un lato si mantengono fedeli allo spirito originario di Howard; dall’altro si collegano alla modernità.

Il risultato è valido e la storia risulta avvincente, dotata di un ritmo adrenalinico e coinvolgente. Testi e dialoghi sono curati ed efficaci e spesso enfatici senza essere verbosi e ben si adattano all’atmosfera visionaria e cupa delle classiche avventure di Conan. Il tp è, inoltre, da tenere d’occhio per i disegni di Nicolò Tofanelli.

Il penciler è bravissimo e realizza tavole di grande impatto visivo, impreziosite da un dinamismo e un’aggressività innegabili. Il suo Barbaro ha un volto cupo e truce, le donne sono sexy e sensuali e al contempo hanno una valenza macabra e sepolcrale che le rende perfette per i mondi infernali descritti dagli autori, e le sequenze d’azione, fondamentali per un’opera simile, sono valorizzate da una sensibilità cinetica impeccabile.

Non bisogna poi trascurare i colori foschi e crepuscolari di Pamela Poggiali, Aurora De Rito e Francesco Cricelli, decisamente in linea con l’allure a tratti horror della trama. A volte optano per sfumature tenui, nebbiose, quasi impressioniste nell’impostazione; in altre si concedono soluzioni cromatiche più vivide e intense.

Insomma, anche stavolta Leviathan Labs ci offre un lavoro di notevole pregio che merita di essere preso in considerazione dagli amanti del fantasy e da coloro che cercano semplicemente la qualità, al di là dei discorsi di genere. Da non perdere.

COMMENTA IL POST