Kohei Horikoshi è riuscito a creare con il suo My Hero Academia uno shonen di combattimento decisamente atipico: non lasciatevi ingannare dai costumi da supereroi mutuati dai comics americani, dal fan service e dalle battaglie, tutti elementi decisamente comuni in molte opere di questo genere.

My Hero Academia ha la grande capacità di unire ai topoi classici del suo genere anche elementi decisamente più maturi: certamente non si può parlare di seinen, ma ci sono al suo interno componenti come il semplice aspetto di Shigaraki Tomura e la crudeltà di Overhaul, che ha fatto letteralmente esplodere uno degli uomini di Tomura senza la benché minima esitazione, che mi stupisce piacevolmente ritrovare in uno shonen di combattimento.

Nel caso della puntata più recente di questo anime, protagonista della nuova, sconcertante rivelazione sarà ancora una volta Overhaul. Insieme alla piccola Eri…

LA MAFIA È UNA MONTAGNA DI MERDA

Grazie alle azioni di un personaggio che personalmente trovo incredibilmente affascinante come Overhaul, Kohei Horikoshi vuole comunicare un messaggio ai suoi fan.

La citazione in neretto qui in alto è di Peppino Impastato, che pagò con la vita la sua lotta contro la mafia, e questa sua frase ben si addice a quello che vedrete in questo episodio: la crudeltà, la mancanza di pietà e scrupoli di Overhaul vogliono dimostrare come la mafia giapponese, la Yakuza, sia una organizzazione esecrabile composta da individui esecrabili con scopi esecrabili.

Non vi è margine di buoni sentimenti in Overhaul, come non vi è margine di giustificazione delle sue azioni da parte di Horikoshi, che lo condanna fermamente mostrando di cosa sia capace questo personaggio fin dalle sue primissime apparizioni.

Quando scoprirete per quale disumano fine stia sfruttando il corpo e le capacità della piccola Eri non potrete certo rimanere indifferenti, proprio come gli Eroi Professionisti e i loro assistenti.

Increduli e con il sangue che si ghiaccia nelle loro vene, molti dei presenti non crederanno alle proprie orecchie: Overhaul va fermato ed Eri va salvata a ogni costo.

ESCAPE PLAN

Naturalmente, i più stravolti saranno Deku e Milio, che non potranno evitare di sentirsi in colpa e impotenti per non aver salvato quella bambina così terrorizzata quando l’hanno incontrata per la prima volta.

Tuttavia, i due ragazzi hanno fatto la cosa giusta non scoprendo immediatamente le proprie carte, anche se Midoriya stava per farlo, rischiando, così, di mandare in fumo eventuali tentativi di strappare via dalle grinfie di quell’uomo così freddo e calcolatore la sua giovanissima vittima.

L’avventatezza di Deku, così simile a quella del suo Eroe, All Might, si contrappone alla cautezza di Nighteye e di altri Eroi professionisti: per sconfiggere una organizzazione come gli Otto Precetti di Morte serve conoscere molto bene il nemico e i suoi piani, se non si vuole rischiare di mandare tutto in fumo.

Pur consci di questa necessità, tuttavia, Milio e Midoriya sanno bene cosa dovranno fare: non importa come, non importa quando, ma molto presto riusciranno a portare in salvo la piccola Eri.

Come sempre, dopo la sigla di coda saranno presenti alcune brevi scene, che in questo caso saranno dedicate a Eri e alla sua vita all’interno del covo di Overhaul.

Vi ricordo infine che sia la quarta stagione di My Hero Academia che tutte e tre le stagioni precedenti sono distribuite in maniera totalmente legale e GRATUITA qui da noi in Italia dalla piattaforma di streaming online VVVVID. I nuovi episodi saranno disponibili in simulcast con il Giappone ogni sabato sera a partire alle ore 20:00.

Inoltre, la quarta stagione di My Hero Academia è disponibile anche su Crunchyroll, ma in questo caso per poterla visionare sarà necessario sottoscrivere un abbonamento a pagamento a questa piattaforma di streaming online (potete comunque avviare prima una prova gratuita del servizio della durata di 30 giorni, se non lo avete già fatto). Spingiti oltre il limite. PLUS ULTRA!

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui