Martin Scorsese difende l’arte contro gli algoritmi

Il regista è stato premiato durante l'annuale Kirk Douglas Award dal Santa Barbara International Film Festival.

0

Durante il discorso che ha tenuto in concomitanza con la consegna del Kirk Douglas Award Martin Scorsese ha colto l’occasione per parlare di quella che è la sua visione del mondo cinematografico

Scorsese non ha fatto alcuna menzione diretta della sua critica ai film Marvel, ma si è aperto su come si è innamorato per la prima volta dei film, all’età di cinque anni, di come Leonardo DiCaprio gli abbia dato una “nuova prospettiva di vita” e del perché l’industria cinematografica dovrebbe ignorare algoritmi e calcoli aziendali. Ma tutto ciò che ha detto in precedenza, ha riguardato Kirk Douglas, il leggendario attore di cui il premio ricevuto da Martin Scorsese porta il nome.

Chiudendo il proprio discorso, Scorsese ha rivolto la sua attenzione alle minacce che affliggono l’attuale generazione di cineasti, in un mondo in cui la fanno da padrone lo streaming di colossi aziendali e, spesso, algoritmi controversi:

“Mi rendo conto che l’impegno e la dedizione per questa forma d’arte sono sempre rari, quindi, quando li vedete, questo incredibile impegno e dedizione, per favore, non dateli per scontati.

Oggi c’è un nuovo mondo, ovviamente, e dobbiamo essere più vigili. Alcuni credono davvero che queste qualità di cui sto parlando possano essere sostituite da algoritmi, formule e calcoli aziendali, ma ricordate che è tutta un’illusione perché non c’è sostituto per l’espressione individuale o artistica come Kirk Douglas sapeva e come la esprimeva attraverso la sua lunga carriera nel cinema”.

Detto questo, Scorsese ha aperto e chiuso il suo discorso con parole dedicate a Kirk Douglas, e in cambio Douglas si è mostrato in una registrazione a sorpresa per congratularsi con il grande protagonista della serata, Martin Scorsese.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui