Il Signore degli Anelli: “Samplicio” e altre scelte della nuova traduzione

La nuova traduzione è curata da Ottavio Fatica in collaborazione con l'Associazione Italiana Studi Tolkieniani.

0

Di recente è stata pubblicata una nuova traduzione della Compagnia dell’Anello a firma di Ottavio Fatica e con la collaborazione dell’Associazione Italiana Studi Tolkieniani (AIST) che si prefigge come obiettivo quello di trasporre nella nostra lingua nel modo più fedele possibile i diversi registri linguistici e i significati etimologici di determinati nomi, trasformandoli, dove serve.

Le polemiche che riguardano i diversi approcci alla traduzione di opere scritte in lingue differenti dalla nostra investe dunque anche il mondo dell’editoria, dopo le asprissime critiche rivolte a Gualtiero Cannarsi per il suo lavoro sull’anime Neon Genesis Evangelion a causa delle quali il ridoppiaggo della serie in italiano è stato rimosso da Netflix.

Cannarsi ha voluto tradurre diversamente alcuni nomi e trasporre in italiano elementi tipici della lingua giapponese, nonostante risultino quantomeno anacronistici nell’italiano parlato odierno; la traduzione di Fatica vuole restituire in italiano alcuni significati etimologici che sono andati perduti nelle precedenti traduzioni, ma allo stesso modo questo tipo di operazione potrebbe non piacere agli appassionati abituati a traduzioni diverse che esistono da più tempo.

Per darvi un’idea più precisa, vi propongo qui di seguito un breve elenco di alcuni di questi cambiamenti, riportando le parole testuali dell’AIST:

  • Samvise – Samplicio:il nome hobbit originario di Sam, Banazîr, significa ‘half-wise, simple’, reso da Tolkien con Samwise rifacendosi all’Anglosassone samwís che ha un significato molto simile. Fatica non solo rende quindi il nome con fedeltà, ma lo fa ricalcando un vero nome italiano in tempi passati relativamente diffuso, come testimoniato dal fatto che il Cattolicesimo Romano venera numerosi San Simplicio“.
  • Gaffiere – Veglio:Gaffiere, soprannome ricalcato sull’originale Gaffer ma del tutto privo di significato, viene sostituito con Veglio a rendere il significato originale di anziano degno di rispetto“.
  • Vecchiobecco/Brandibuck – Vecchiodaino/Brandaino
  • Syeward – Castaldo

Un altro dettaglio che è stato cambiato in questa nuova traduzione della Compagnia dell’Anello riguarda i differenti registri linguistici, che mutano di volta in volta in base a chi parla e al suo interlocutore, per cui “il linguaggio è rustico e informale quando gli hobbit della Contea, Veglio Gamgee in primis, parlano fra loro” e allo stesso modo “Frodo, Merry e Pippin scherzano fra loro con linguaggio giocoso, ma diventano cortesi quando si rivolgono a Elfi o interlocutori di alto rango”.

Se volete scoprire più nel dettaglio questi e altri cambiamenti apportati da Ottavio Fatica alla Compagnia dell’Anello, vi rimando alla lettura dell’articolo originale.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui