Shueisha: scoppia la questione redattrici a Weekly Shonen Jump

Scoppia la questione redattrici anche in Shueisha.

0

La scorsa settimana, un utente Twitter ha parlato della visita di rappresentanti di Shueisha alla sua università. Alla domanda “Possono le donne diventare redattori di Shonen Jump?”, un responsabile delle Risorse Umane di Shueisha ha risposto, “Non è senza precedenti, ma per esserlo devi capire il cuore dei ragazzi”.

Huffington Post Japan ha contattato successivamente Shueisha e ha confermato che questa era la posizione dell’azienda nei confronti dell’assunzione di redattori donne. La dichiarazione completa di Shueisha all’Huffington Post è tradotta di seguito:

“La nostra azienda organizza seminari in numerosi campus universitari. Per quanto riguarda la questione delle redattrici di Jump, la nostra dichiarazione è la seguente:
“Non è senza precedenti. Ci sono donne su Jump+, e pubblicazioni come Young Jump hanno avuto redattori donne in passato. Le riviste di moda femminile hanno bisogno di persone che capiscano la moda femminile indipendentemente dal genere, quindi per un manga shonen è importante capire il cuore dei ragazzi”.

Inoltre, le nuove assunzioni dell’azienda non vengono scelte in base al dipartimento. Assumiamo persone idonee per l’azienda nel suo complesso e, dopo aver accettato, vengono assegnate a un posto adatto a loro. Per quanto riguarda la dichiarazione di cui sopra, non possiamo rispondere a qualsiasi domanda relativa alla data o al nome dell’università in cui la dichiarazione è stata fatta”.

Huffington Post ha osservato che Shueisha non ha chiarito se le donne possano diventare redattori di Weekly Shonen Jump o meno, però.

La questione Weekly Shonen Jump era già stata affrontata in passato. In un’intervista radiofonica dell’ottobre 2018 per celebrare il 50° anniversario della rivista, l’attuale vicedirettore Kōhei Ōnishi aveva dichiarato che Weekly Shonen Jump non aveva mai avuto un solo editor femminile in tutta la sua storia. Ha anche descritto il posto di lavoro come un “liceo per soli ragazzi”.

La mancanza di donne editor ha sollevato preoccupazioni sulla discriminazione di genere in Shueisha, come aveva indicato in passato, tra le altre, anche l’artista manga Kaori Ishikawa, che disegna ROCKING YOU!!! per Jump+.

Anime News Network ha contattato poi Shueisha per ulteriori commenti sulla questione. Alla domanda sul perché Weekly Shonen Jump è diverso dalle riviste shojo, che spesso impiegano personale di sesso maschile nonostante un pubblico di giovani ragazze, un portavoce ha dichiarato: “Sfortunatamente, in questo momento, non possiamo commentare queste domande oltre a ciò che Shueisha ha già dichiarato. Siamo comunque consapevoli di queste domande e del fatto che molti fan in tutto il mondo stanno riflettendo profondamente sulla situazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui