Durante la seconda giornata del festival toscano sono stati diramati i primi retroscena della serie prodotta da Netflix, The Witcher, basata sui libri di Andrej Sapkowski, in attesa dell’anteprima mondiale del trailer.

L’incontro si è svolto alla presenza della showrunner Laure Schmidt Hissrich e delle attrici Anya Chalotra Freya Allan, interpreti rispettivamente dei personaggi di Yennefer e Ciri.

Hissrich ci racconta di come è stato lavorare all’adattamento: “Sono sempre stata fan del libro Il guardiano degli innocenti e lo ammiravo fin da prima che mi contattasse Netflix. È stata una bella sfida riadattare migliaia di pagine, anche se la vera sfida è stata introdurre il personaggio di Ciri prima di quando compare nei libri. Posso però rassicurare i fan dei libri che rimane moltissimo del contenuto originale, anche perché abbiamo avuto un dialogo continuativo con Sapkowski su come sviluppare la serie.”

Durante la conferenza, Chalotra e Allan hanno descritto i loro personaggi, Yennefer e Ciri: “Yenefer è una maga, testarda, e nella sere troveremo la sua crescita a partire dai 14 anni, vedremo l’incontro con Geralt e come il suo rapporto con lui la trasforma in una donna coraggiosa e fiera. Ciri è la principessa di Sintra, molto protetta dal mondo esterno e dalle sue brutture. Nonostante ciò, è curiosa, testarda e con un bel caratterino. Nella serie vedremo un aspetto suo più sensibile.”

Una delle componenti narrative fondamentali è il ruolo del destino come personaggio invisibile: “Ho dovuto affrontare la differenza tra destino e fato: il primo è predestinato, il secondo lo puoi decidere. Lo si può vedere con Geralt con  la leggenda a sorpresa: la sua richiesta ha cambiato il suo destino, che gli ha regalato una figlia, Ciri.”

Videogioco e serie tv si differenziano: “Quando abbiamo lavorato alla storia, abbiamo voluto muoverci diversamente dalla linea narrativa dei videogiochi, dato che questi ultimi avevano un background gi forte di per loro.”

Cosa provano le due attrici nell’essere coinvolte alla prima esperienza in una grossa produzione Netflix? Anya: “È stato spaventoso! Non avevo idea di quanto fandom ci fosse per questa serie di libri. Freya: “io ero molto felice di ritrovarmi sia con Anya che con Henry (Cavill, ndr) soprattutto perché la prima aveva lo stesso mio tipo di esperienza, mentre Henry era più abituato ad avere a che fare con un fandom forte.”

Com’è stato lavorare con scene di azioni così al limite dell’impossibile? Anya: “È stato bellissimo lavorare con gli stuntman!” Freya: “Non ho avuto l’opportunità di essere protagonista di scene che necessitavano di uno stuntman, però chissà, in futuro… In compenso, sono andata molto a cavallo.”

La showrunner ci rivela come vengono create scene d’azione: “Se in un’azione c’è qualcosa di abbastanza forte, lo comunico allo stunt coordinator che, dopo un po’, mi mostra una preview di come la scena verrebbe realizzata, e da lì scelgo se applicarla o meno.”

Nonostante non sia ancora andato in onda, sono molti i fan che hanno voluto omaggiare i protagonisti: “Al Comicon ho visto un cosplayer con un costume identico a quello di Geralt, era impressionante! Poi online ci sono anche molte fan art di Yennefer.”
Freya: “Io ancora non ho visto nessun cosplayer del mio personaggio, però ho visto molte fan-art.”
Molte scene sono state girate alle Canarie. Come avete fatto a proteggere le riprese da spoiler? “Siamo stati circa 3 settimane lì ed è piaciuta sia a me che ad Anya. è stato molto difficile, ma abbiamo una security fortissima e poi anche noi siamo attente a quello che diciamo.”

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui