Mentre Disney+ deve ancora essere lanciato ufficialmente, la “guerra” dei servizi streaming è già iniziata e, tra i più bellicosi partecipanti, troviamo sicuramente Disney e Netflix, che pure (forse) tanto si erano “amati” sviluppando insieme l’universo Marvel di Daredevil & Co. L’ultimo atto di questo conflitto senza esclusione di colpi è stato la decisione da parte di Disney di non vendere nessuno spazio pubblicitario sulle sue reti a Netflix, non negando invece la possibilità ad altri concorrenti come NBC, Apple, Amazon e Warner Bros. L’avvenimento è stato commentato dal CEO Bob Iger, il quale ha comunque dichiarato come la scelta non sia dipesa da lui.

“Inizialmente, la decisione mi sembrava un po’ meschina, ma quando mi è stata ben illustrata  ho deciso di sostenerla” le parole del CEO.

Il rapporto tra Disney e Netflix si è incrinato sin da quando Disney, annunciando il proprio servizio streaming, ha cominciato a ritrattare gli accordi per i film del MCU togliendo contenuti importanti a Netflix. La scelta ha influito sulla negoziazione dei termini per continuare a sviluppare le serie Marvel, con Netflix che si è trovata costretta a cancellarle.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui