Inizia una nuova era per gli X-Men della Marvel, grazie allo scrittore Jonathan Hickman e al suo evento “House of X”. Ora che la serie X-Men viene rilanciata con il nuovo evento “Dawn of X”, Hickman parla ai fan sulla trama di House of X e le sue conseguenze. Uno dei più grandi nuovi sviluppi è la nascita di una nuova nazione sovrana (Krakoa) con un intero insieme di nuove leggi mutanti. Tuttavia, una di quelle leggi ha “sconvolto” molti fan- e ora Hickman sta affrontando la questione.

Se non avete familiarità con le tre leggi mutanti che ora governano la patria mutante di Krakoa, sono queste:

La legge che apparentemente ha colpito alcuni fan della Marvel nel modo sbagliato è la legge n. 1: “Make More Mutants” (Fate più mutanti). Per alcune persone, quella legge impone un processo di tipo etero di fecondazione e educazione dei figli che è sconvolgente per quelli, per esempio, della comunità LGBTQ, o per coloro che non desiderano avere figli. Bene, secondo Jonathan Hickman la prima Legge sui mutanti non è così restrittiva come alcuni pensano che sia – come sarebbe chiaramente dimostrato in House of X:

“Beh, ovviamente, ‘Make More Mutants’ è un gioco di parole con ‘No More Mutants’, quindi ogni confusione su questo deriva dal fatto che io ami sentire come suonano le tre leggi quando le leggi sono lette insieme…

Detto questo, anche una lettura rigorosa della legge non cambia il fatto che ho mostrato tre (quattro se siete attenti) modi in cui i mutanti possono riprodursi, e solo uno di questi è nel modo etero “tradizionale” (tralasciando anche pratiche piuttosto banali come la fecondazione in vitro e la maternità surrogata, che mi sembrano sostenere lo spirito della legge).

Inoltre, non credo che non voler avere figli sia contro la legge (ma penso comunque che questo non sarebbe un sentimento popolare nel mondo che abbiamo costruito)”.

La spiegazione di Hickman sicuramente rimanderà i fan di X-Men a House of X/Powers of X alla ricerca di tutti e quattro i metodi di riproduzione mutante, ma la storia ovviamente ne chiarisce solo alcuni:

  • I mutanti possono letteralmente essere creati e cresciuti attraverso i nuovi protocolli di risurrezione di Krakoa.
  • Un nuovo tipo di mutante con combinazioni di poteri (chimere) viene sviluppato da Sinistro nelle sue fosse di riproduzione.
  • Nella nona vita di Moira, Nimrod alleva la propria forma di segugi mutanti, come il “telepate del cervello nero” Cylobel.

Hickman sottolinea che Krakoa e la sua nuova cultura mutante aprono una gamma di significati quando si tratta della frase “Make More Mutants”. In X-Men #1, appena uscito, gli X-Men liberano un intero gruppo di bambini mutanti orfani e li portano a Krakoa: i bambini, sottolinea Hickman, devono imparare cosa significa essere un mutante: “… Voglio sottolineare che per quanto riguarda la storia ci stiamo anche appoggiando al fatto che ci saranno migliaia di bambini mutanti che si presenteranno su Krakoa in cerca della loro famiglia mutante. Quindi, anche se l’adozione non è proprio quello di cui stavate chiedendo, penso che conti dato che ciò di cui stiamo parlando qui è una relazione comune genitore/ figlio e ciò che passa da una generazione a quella successiva”.

In breve: l’idea di creare più mutanti è qualcosa su cui i personaggi di X-Men avranno probabilmente delle lotte e discussioni, quindi è meglio non approfondire ancora il significato specifico della frase.

X-Men #1 di Jonathan Hickman è ora in vendita.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui