Marvel Comics ha suscitato scalpore durante l’estate quando ha iniziato a pubblicare teaser criptici per un progetto di Spider-Man che prevedeva una ragnatela con un numero cucito al centro, con il conto alla rovescia che iniziava dal numero 4. Quando è arrivato il momento della rivelazione, i fan sono rimasti sbigottiti nell’apprendere che il regista JJ Abrams e suo figlio Henry stavano collaborando con l’artista Sara Pichelli a una miniserie con protagonista il il lanciaragnatele.

I dettagli sul titolo sono stati tenuti nascosti, con l’informazione più grande che rivelava solo il debutto di un cattivo originale chiamato Cadaverous, “che causerà problemi a Spider-Man, al suo alter ego, Peter Parker, e alla sua amata Mary Jane Watson.” Naturalmente, causare problemi è l’obiettivo di ogni nemesi di Spider-Man, quindi cosa distinguerebbe Cadaverous da artisti del calibro di Green Goblin, Doctor Octopus o Carnage?

ATTENZIONE DA QUI IN POI SPOILER DA SPIDER-MAN #1

Con l’uscita di Spider-Man #1, è interessante notare che mentre Cadaverous fa una breve apparizione, la storia parte con tutt’altra direzione, distogliendo l’attenzione dal cattivo e ponendola esattamente su Peter Parker e famiglia. Titoli come Spider-Man: Renew Your Vows hanno offerto ai fan uno sguardo su Spider-Man come marito di Mary Jane e padre di Annie. Tuttavia, Spider-Man di Abrams e Pichelli capovolge questo concetto trasformando Peter in un vedovo con un braccio solo e padre di un ragazzo di nome Ben Parker.

Le prime due pagine mostrano Mary Jane che cerca Spider-Man in una New York City devastata. Alla fine lo trova ferito su un ponte, ma è allora che Cadaverous finalmente si rivela. Mentre sguinzaglia i suoi tirapiedi su uno Spider-Man sopraffatto, il caos concede a Cadaverous il tempo sufficiente per impalare Mary Jane su una delle sue dita affilatissime, prima di gettarla dal lato del ponte.

Spider-Man è in grado di liberarsi per afferrare il corpo senza vita di MJ prima che cada nel fiume sottostante. Siamo quindi teletrasportati al funerale di MJ, dove rivolgiamo un primo sguardo a un giovane Ben dai capelli arancioni che tiene il dito di suo padre prima che il numero faccia un salto temporale di 12 anni.

Un parallelo in gioco qui è la morte di Mary Jane che quasi rispecchia l’omicidio di Gwen Stacy da parte del Green Goblin. Entrambe le donne erano l’amore della vita di Peter Parker, ed entrambi gli incidenti avvennero su un ponte. Tuttavia, la morte di Gwen non è stata abbastanza per far smettere a Peter di essere Spider-Man, ma qua possiamo perdonarlo dato che insieme al figlio, Mary Jane rappresentava la sua famiglia.

Come si può immaginare, sono avvenuti alcuni cambiamenti nei dodici anni trascorsi da quando Cadaverous ha ucciso Mary Jane. Peter ha rinunciato a essere Spider-Man, lasciando Ben alle cure di zia May mentre viaggia per lavoro. Suo figlio, invece, sta già, mostrando i tratti eroici di Peter, specialmente quando difende un compagno di classe vittima di bullismo. Una sorpresa ancora più grande arriva quando Ben inizia a mostrare la capacità di Spider-Man di attaccarsi a qualsiasi superficie.

Zia May coglie l’occasione per mostrare al ragazzo alcune cose dei genitori. Una scatola nascosta nelle assi del pavimento dell’attico contiene foto e lettere di Peter e MJ, insieme al costume strappato dell’Uomo Ragno che Peter indossava il giorno dell’attacco di Cadaverous.

È difficile creare una rivisitazione della classica storia delle origini di Spider-Man, ma Spider-Man #1 aggiunge alcuni intrighi tanto necessari alla mitologia dell’eroe e nel frattempo introduce anche un nuovo cattivo.

Mary Jane è davvero morta? Ben raccoglierà l’eredità di Spider-Man che suo padre ha abbandonato? Padre e figlio combatteranno fianco a fianco come Spider-Man e Spider-Boy? Il fatto che abbiamo così tante domande dovrebbe farvi capire che il debutto degli Abrams in Marvel ha molto da offrire ai fan di Spider-Man.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui