Go Nagai Robot

Spider-Man: Tom Holland parla di una possibile serie tv e di un Peter omosessuale

La rottura tra Marvel Studios e Sony rende incerto il futuro dello Spider-Man di Tom Holland, che pure risultava essere molto apprezzato dai fan; mentre l’orizzonte dell’Uomo Ragno si fa sempre più nebuloso, è lo stesso attore a lanciare l’ipotesi di un dirottamento del personaggio sul piccolo schermo, con una serie tv.

Go Nagai Robot

In un video con GQ, rispondendo a delle domande dei fan, Tom Holland ha aperto alla possibilità di un progetto televisivo, rispondendo così alla domanda di un fan sull’argomento: “Potresti non dover aspettare tanto”. Il commento di Holland si chiude qui, aprendo alla possibilità di un futuro in televisione, così come di un cambio di sessualità del personaggio in futuro: “Penso sarebbe un modo progressista per reinterpretare un personaggio, quindi sì, penso e spero che si possa vedere anche uno Spider-Man omosessuale e spero di poter far parte di questa eventuale rappresentazione”.

La differenza con le precedenti interpretazioni, che renderebbe il suo Spider-Man unico, sarebbe per l’attore il periodo di vita di Peter presentato: “Il mio Spider-Man è forse più interessante dei precedenti perché viene esplorato nel momento cruciale della sua crescita, l’adolescenza. Il percorso diventa così più ampio, se fosse stato presentato subito come un eroe formato credo ci sarebbero subentrate delle limitazioni sulle storie da raccontare.

In un’intervista scritta, sempre a GQ, l’attore ha provato a definire l’attuale situazione di Spider-Man:”Non mi vergogno a dire di quanti siano stati fantastici gli ultimi cinque anni nell’universo Marvel” spiega Holland “Ho realizzato un sogno, sia come persona che come attore. La stessa Sony è stata fantastica nei miei confronti, il successo di Spider-Man: Far From Home è la testimonianza del loro supporto, della loro capacità e del loro impegno. Il futuro di Spidey è tutto nelle mani della Sony, non posso far altro che essere grato per le amicizie fatte nel corso di questo percorso.

Le frizioni tra Marvel e Sony sono cominciate precedentemente alla rottura definitiva dell’accordo: stando a quanto precedentemente riportato da Jay Washington di Collider, sarebbe stata infatti originariamente presente in Venom una scena con Peter Parker (Tom Holland), prontamente però fatta togliere dalla Marvel.

“Tom Holland ha girato una scena per Venom, ma la Marvel appena l’ha vista ha subito detto di toglierla, di tirare fuori Peter” spiega Washington.

Attualmente, ci sono altri due film programmati per Spider-Man ma, a meno che qualcosa non cambi nel prossimo futuro, Kevin Feige non assumerà la guida creativa di quei film come ha fatto con i due film precedenti. Queste le parole del presidente dei Marvel Studios sulla fine della collaborazione: “Provo gratitudine e gioia per Spider-Man” le parole a Entertainment Weekly “Abbiamo realizzato cinque film all’interno del MCU con Spider-Man: due film indipendenti e tre con gli Avengers. Era un sogno che non avrei mai pensato che potesse succedere. Non è mai stato pensato per durare per sempre. Sapevamo che c’era un tempo limitato in cui saremmo stati in grado di fare questo, e abbiamo raccontato la storia che volevamo raccontare, e ne sarò sempre grato”.

COMMENTA IL POST