The Wicher: Henry Cavill parla della personalità di Geralt

Ulteriori dettagli sulla personalità di Geralt di Rivia da Henry Cavill.

Il trailer di The Witcher, una delle prossime serie di punta Netflix, ha debuttato al San Diego Comic-Con di quest’anno e, tra l’entusiasmo generale, Henry Cavill ha avuto modo di parlare della personalità del Geralt e del “mito” della freddezza dei Witcher.

“Non si tratta che i Witcher non possano prendere delle decisioni in base alla moralità, ma il loro controllare le emozioni li aiuta nel loro lavoro, nel trattare per il prezzo di un mostro in maniera ottimale, senza avere punti deboli come ad esempio la famiglia” le parole dell’attore “Geralt, però, è molto più di un Witcher senza cuore. Può sembrare freddo e cinico perché crede sia l’unico modo per sopravvivere nel suo mondo, ma in profondità crede nella possibilità che questo possa essere migliorato“.

Importante, per Geralt, anche la figura di Jaskier (Ranuncolo). “Sarà assolutamente presente nella serie, ma non l’abbiamo mai visto come un narratore: resterebbe troppo fuori dalle vicende” le parole della showrunner Lauren S. Hissrich all’evento “Questo è stato per me il miglior modo per far entrare  Jaskier nelle trame, ma forse per Geralt è un ostacolo. Le loro scene insieme sono incredibili, lui è in grado di farlo impazzire, è per lui la bocca della verità, è capace di entragli dentro nel profondo e vedere cosa ci si nasconde. Sotto questo punto di vista, è molto divertente”.

Sempre al SDDC 2019, la showrunner Lauren Hissrich ha avuto modo di parlare del tono di The Witcher, assolutamente “per adulti”.

“Stavo riguardando delle scene della serie allo schermo e si sono intrufolati i miei figli, che sono rimasti terrorizzati da cosa hanno visto” spiega la Hissrich a Entertainment Weekly “E’ una serie per adulti, anche se ci tengo a specificare che la violenza e il sesso sono finalizzati allo svolgersi della trama, non sono contenuti messi per provocare uno shock. Sono certa che gli spettatori, ormai molto esperti, sapranno cogliere questa caratteristica”. L’Hissrich, a ComicBook, ha parlato anche dell’ambientazione: “La serie è sicuramente basata sui libri di Andrzej Sapkowski, ma avremo modo di assaporare maggiormente personaggi come Yennefer e Ciri anche prima che incontrassero Geralt. Impareremo a conoscerle e assisteremo alla loro formazione, espandendo il materiale originale, prima che le trame comincino ad intrecciarsi”.

Questa la sinossi ufficiale per la serie:

Ispirata al best-seller fantasy, The Witcher è una fiaba epica. Geralt di Rivia, un solitario cacciatore di mostri, lotta per trovare il suo posto in un mondo in cui le persone spesso si dimostrano più malvagie delle bestie. Ma quando il destino lo spinge verso una potente strega e una giovane principessa con un pericoloso segreto, i tre devono imparare a convivere per affrontare insieme un viaggio.

Nel cast Henry Cavill (Geralt di Rivia), Anya Chalotra (Yennefer), Freya Allan (Ciri), Jodhi May (Calanthe), Björn Hlynur Haraldsson (Eist), Adam Levy (Mousesack), MyAnna Buring (Tissaia), Mimi Ndiweni (Fringilla) , Therica Wilson-Read (Sabrina), Emma Appleton (Renfri), Eamon Farren (Cahir), Joey Batey (Jaskier), Lars Mikkelsen (Stregobor), Royce Pierreson (Istredd), Maciej Musiał (Sir Lazlo), Wilson Radjou-Pujalte (Dara) e Anna Shaffer (Triss).

 

COMMENTA IL POST