Il Signore degli Anelli: la serie TV sarà canonica

Quanto Amazon può inventare?

Lo show de Il Signore degli Anelli di Amazon dovrà seguire delle coordinate nella sceneggiatura della serie, poiché ci sono regole ferree su quali parti dei libri possono essere cambiate. Come sapete, uno spettacolo televisivo basato sulle opere di J.R.R. Tolkien è attualmente in fase di sviluppo per Amazon e i dettagli sulla produzione sono stati lentamente svelati negli ultimi mesi. Il programma televisivo Il Signore degli Anelli avrà luogo durante la Seconda Era, che si concluse quando Isildur tagliò l’anello dal dito di Sauron. Lo spettacolo ha un incredibile schieramento di troupe creative, tra cui persone che hanno lavorato a spettacoli come Breaking Bad, Game of Thrones e Stranger Things. È stato anche recentemente rivelato che la prima stagione sarà composta da circa 20 episodi.

Tom Shippey, che è uno studioso di fama mondiale di Tolkien ed era stato chiamato a collaborare alla trilogia originale de Il Signore degli Anelli, ha recentemente parlato con il sito tedesco dei fan di Tolkien chiamato Deutsche Tolkien Gesellschaft e gli è stato chiesto quali contenuti gli sceneggiatori potevano usare:

“Amazon è relativamente libera quando si tratta di aggiungere qualcosa, poiché, come ho già detto, sono noti pochissimi dettagli su questo arco di tempo. L’obbligo di rispettare Tolkien insisterà sul fatto che quanto indicato della Seconda Era non può essere modificato. Sauron invade Eriador, ma è costretto a ritirarsi da una spedizione númenoreana, torna poi a Númenor. Lì corrompe i Númenoreani e li seduce per infrangere il divieto dei Valar. Tutto questo, il corso della storia, deve rimanere lo stesso. Ma puoi aggiungere nuovi personaggi e porre molte domande, come ad esempio: cosa ha fatto Sauron nel frattempo? Dov’era dopo la sconfitta di Morgoth? Teoricamente, Amazon può rispondere a queste domande inventando le risposte, dal momento che Tolkien non le ha descritte. Ma non deve contraddire nulla di ciò che Tolkien ha detto. Questo è ciò cui Amazon deve fare attenzione. Deve essere canonico, è impossibile cambiare i confini che Tolkien ha creato, è necessario rimanere “tolkieniani”.

Le restrizioni sugli adattamenti del lavoro di Tolkien non sono una novità e i film di Peter Jackson hanno affrontato restrizioni simili. La Seconda Era della Terra di Mezzo comprende tuttavia un lungo periodo di tempo e ci furono molti eventi interessanti che si verificarono durante questo periodo, come la forgiatura dell’Unico Anello, numerose guerre tra i nani, gli elfi e uomini e l’Ultima Alleanza contro Sauron. I creatori della serie TV de Il Signore degli Anelli hanno molti contenuti cui attingere nella Seconda Era e c’è anche molto spazio aperto per raccontare nuove storie. Le restrizioni stabilite dal canone di Tolkien assicureranno che i creatori non possano cambiare la storia come scritta, per impedire loro di raccontare la loro versione della saga di Tolkien.

COMMENTA IL POST