E’ morto Rutger Hauer, il replicante di Blade Runner

L'attore incontrò il successo grazie a quel film.

0

L’attore muore a 75 anni dopo aver collezionato più di 170 film, anche se il ruolo che lo ha reso celebre al grande pubblico rimarrà quello legato al film di Ridley Scott; la coincidenza della sua morte nell’anno in cui era ambientato il film ed in cui Roy moriva, il 2019, non può che sottolineare ancora di più quanto il destino lo avesse legato a Blade Runner.

La conferma della morte viene dall’agente Steve Kenis che a Variety ha detto che l’attore è morto il 19 luglio nella sua casa olandese.

“Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire”. Questo è il monologo con cui lo ricorderemo per sempre.

Ma la sua vita artistica fu comunque molto ricca: dopo l’inizio della carriera in Olanda il debutto a Hollywood avvenne accanto a Sylvester Stallone nel 1981 con I falchi della notte, ma è grazie al ruolo del replicante Roy che la sua carriera fa un salto. Dopo la fantascienza l’altro filone molto frequentato dall’attore olandese è stato quello avventuroso, con il classico Ladyhawke con Michelle Pfeiffer. Certamente un attore di talento e versatile, che ha saputo dare molto al suo pubblico.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui