Sailor Moon, l’editor del manga parla della serie animata Anni 90 (e non solo)

In Italia il manga originale è pubblicato da Edizioni Star Comics.

0

Fumio Osano (detto Osabu), editor del manga Pretty Guardian Sailor Moon, ha rilasciato una intervista al sito web specializzato giapponese Comic Natalie durante la quale ha parlato della produzione della serie animata tratta dal manga di Naoko Takeuchi.

La serie animata del 1992 è stata approvata quando il manga era appena iniziato, per questo venne chiesto alla produzione dell’anime di non superare il manga; nei piani iniziali i primi 20 episodi della serie animata avrebbero dovuto raccontare avventure di Usagi in solitaria, a differenza del manga dove all’inizio viene presentata una nuova combattente ogni capitolo.

La pianificazione, tuttavia, non andò come previsto: “Toei richiese di mostrare Ami e Rei nella opening così da accrescere la popolarità. E quando il primo episodio andò in onda, ci furono rumor che altre ragazze sarebbero apparse. Toei e le reti tv decisero quindi di cambiare i piani iniziali per accontentare i telespettatori, così Ami apparve nell’episodio 8 [nel manga si mostra nel capitolo 2], mentre Rei nell’episodio 10 [nel manga la incontriamo nel capitolo 3]. Senza che ce ne accorgessimo, l’anime aveva raggiunto il manga.”

Osano ha rivelato che la serie animata non fu inizialmente considerata un successo perché non si vendevano molti giocattoli, cosa che avrebbe potuto minacciare la prosecuzione del manga: “Il manga è stato un successo fin dall’inizio della serializzazione. La prima tiratura del volume 1 fu di 500 mila copie e senza accorgercene avevano stampato oltre un milione di copie. Era diventato un fenomeno sociale, quindi non si parlava nemmeno di concluderlo. Ma l’anime inizialmente non vendeva molti giocattoli. A quei tempi gli anime che non erano in grado di far vendere giocattoli di solito venivano cancellati, e se questo fosse successo anche il manga avrebbe potuto doversi concludere.”

A proposito della recente edizione digitale del manga, prevista in 10 lingue (Italiano incluso), Osano ha dichiarato che ci sta lavorando dal 2013, ma ha voluto aspettare e coordinarsi con l’uscita internazionale.

Osano ha concluso l’intervista affermando che ci saranno nuovi sviluppi per il franchise in futuro oltre al film in due parti Pretty Guardian Sailor Moon Eternal del 2020.

COMMENTA IL POST