The Batman: Vanessa Kirby sarà Catwoman?

L'attrice sarebbe una delle candidate per il ruolo di Catwoman, al fianco di Robert Pattinson.

0

Stando a quanto riportato da Geeks Worldwide, una delle stelle di Mission: Impossible – Fallout e Hobbs & Shaw Vanessa Kirby sarebbe in lizza (insieme ad altre attrici al momento non conosciute) per il ruolo di Catwoman nel prossimo stand-alone di Batman diretto da Matt Reeves. Sul web si era fatto precedentemente anche il nome di Kristen Stewart, protagonista della saga di Twilight proprio insieme a Robert Pattinson.

Ciò che è certo è che Catwoman, nel ruolo di femme fatale, sarà protagonista del film insieme al Pinguino, che non sarà però interpretato da Josh Gad come in molti sostenevano: dopo aver giocato per mesi con queste speculazioni infatti, l’attore ha voluto chiarire la sua posizione sui social, confermando il fatto che non è coinvolto nel progetto.

“Ok, visto che continuano a farmi questa domanda…così come ho amato torturarvi con tutti questi riferimenti al Pinguino, sento sia arrivato il momento di dirvi che in realtà non interpreterò il personaggio. Ma ho apprezzato tutte le fan art e il supporto”.

Un precedente report del The Hollywood Reporter  suggerisce come la pellicola sarà una storia di formazione, che esplorerà le modalità grazie alle quali Batman è diventato il fenomenale detective che conosciamo. “Il nuovo Batman avrà circa 30 anni e la storia non esplorerà le origine mitiche di Batman, né la storia dell’inizio della sua crociata a Gotham City. L’attenzione verrà focalizzata su Bruce Wayne e la strada da lui intrapresa per diventare uno dei migliori detective al mondo” si legge nel report.

“E’ una storia noir di Batman raccontata molto chiaramente dal suo punto di vista e dall’esperienza che essa porta sulle sue spalle. Spero sarà emozionante ma anche emotiva. Darà risaltato maggiormente alla sua abilità da detective, più di quanto si sia mai visto nei precedenti film fino ad ora: i fumetti lo dicono chiaramente, è il detective migliore del mondo e a questo aspetto non sempre è stato dato il giusto peso nelle precedenti pellicole. Amo la possibilità che ho di poter approfondire questo aspetto, in modo da intraprendere con lui un viaggio alla ricerca dei criminali e percorrere un arco narrativo, che mostri anche l’evoluzione e la trasformazione stessa di Batman” le precedenti parole del regista Matt Reeves.

Invece, in un’ intervista a IndieWire durante il Television Critics Association, lo stesso Matt Reeves ha parlato di come affronterà il tema della duplice identità di Bruce Wayne nel prossimo film stand alone di Batman.

“Questa è una domanda molto difficile. Penso sia interessante sapere però che, lavorando al film, abbiamo guardato molto al passato e all’esempio che poteva fornirci un’opera importante come quella di Stevenson. Bruce Wayne ha un sé-ombra proprio come Jekyll, c’è l’idea che siamo fatti di molteplici personalità. Bruce è e non è Bruce, è o non è il suo cappuccio. Ci sono delle volte che ti senti pienamente te stesso, ma poi risulta essere vero solo uscendo dalla propria ‘forma’ e indossando una maschera, con l’identità velata che permette ai lati più istintivi e puri di emergere”. Il regista sottolinea inoltre come questa dicotomia sia importantissima per il prossimo stand alone.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui