La Gazzetta della BD – 4 luglio 2019 –

Le migliori uscite della BD in versione originale.

0

Buon compleanno a Glénat, che compie 50 anni di pubblicazioni; tocca poi a Le Patient, il nuovo volume di Timothé Le Boucher, autore noto anche in Italia, ed al nuovo volume di Alix. Spostiamoci poi nel West e nella Preistoria.

5Il ritorno di un talento

telegram_promo_mangaforever_3

 

Timothé Le Boucher torna con un nuovo thriller dopo averci deliziato con I giorni che scompaiono (in Italia per Bao). Il tomo di Glénat è in vendita ad euro 25,00.

A cosa serve ricordare che vivevamo all’inferno?

La polizia arresta una ragazza che vaga per la strada, coperta di sangue, con un coltello in mano. Sulla strada verso casa sua, gli agenti scoprono con orrore una scena di massacri: tutta la sua famiglia è stata uccisa… Sei anni dopo, Pierre Grimaud, l’unico sopravvissuto del “massacro di rue des Corneilles”, si sveglia da un profondo coma. L’adolescente quindicenne al momento dell’incidente è ora un uomo di 21 anni. Disorientato, ancora paralizzato e affetto da amnesia parziale, è aiutato dalla dottoressa Anna Kieffer, psicologa specializzata in criminologia e problemi di vittimologia. Durante le loro sedute, Anna cerca di far ricordare le circostanze del dramma, nonostante la sua perdita di memoria. Pierre evoca la misteriosa presenza di un “uomo in nero” che perseguita i suoi sogni, una probabile risposta inconscia al suo trauma. Dopo diversi incontri, Anna scopre una persona sensibile e molto intelligente. Toccata dalla sua storia, inizia persino a provare affetto. A poco a poco, una vera complicità si stabilisce tra loro. Ma Anna non immagina come questo paziente cambierà la sua vita…

Dopo  Quei giorni che scompaiono, Timothe Le Boucher ritorna con un libro che testimonia ancora una volta della sua esemplare capacità narrativa. In una vena più realistica, Le Patient è un thriller psicologico sorprendente, che suggerisce alcuni dei temi preferiti dall’autore: la relazione con l’altro, la nozione di “tempo”, identità e memoria.

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui