One Piece: i design dei Mugiwara per Wano Country

L'avventura nella terra dei Samurai debutta ufficialmente nella serie anime di One Piece il 7 luglio. Nella serie manga il maestro Eiichiro Oda è nel cuore del secondo atto.

Attraverso le pagine del numero 29 di Weekly Shonen Jump, disponibile per l’acquisto in Giappone da questa settimana, Shueisha pubblica i character design di tutti i componenti dei Mugiwara (ciurma di Cappello di Paglia) in occasione del debutto della trasposizione dell’arco narrativo di Wano Country nell’anime di One Piece.

Come sappiamo, l’arco narrativo, ispirato al manga di Eiichiro Oda, avrà inizio il 7 luglio e i character design sono adesso affidati a Midori Matsuda. Ecco a voi come appariranno i 9 componenti della nostra ciurma preferita in occasione dell’avventura nel paese dei Samurai:

La trasposizione dell’arco di Wano, ricordiamo, debutterà il 7 luglio 2019 e avrà alla regia Tatsuya Nagamine (director di Dragon Ball Super: Broly). In occasione della nuova avventura esordirà anche una nuova opening e prima di chiudere riproponiamo il primo teaser e la key art che offrono un assaggio dell’arco:

ONE PIECE è un manga scritto e disegnato da Eiichiro Oda all’interno della rivista di Weekly Shonen Jump (Shueisha) dal 1997. Attualmente giunta a 945 capitoli, in Giappone il manga ha collezionato ben 92 volumetti.

In Italia il manga è edito da Edizioni Star Comics e ad oggi sono disponibili i primi 89 volumi.

La serie animata omonima che sta trasponendo l’arco narrativo del Reverie ha raggiunto gli 890 episodi ed è trasmessa ogni domenica. In Italia, licenziata da Mediaset, la serie animata è ferma all’episodio 578.

Hollywood sta producendo una serie televisiva live action con attori reali in carne ed ossa.

One Piece nel 2019 festeggia il 20° anniversario dalla prima messa in onda dell’anime e, in occasione, il 9 agosto 2019 sarà pubblicato nei cinema giapponesi il lungometraggio One Piece: Stampede. Cliccate qui per rivedere il recente trailer e qui l’ultima key visual da parte di Eiichiro Oda.

COMMENTA IL POST