One Piece di Eiichiro Oda è indubbiamente una delle opere in cui il design dei personaggi è più vario e mutevole, sia che parliamo di anime, sia che parliamo del manga originale, al punto che i suoi appassionati sovente possono vedere che lo stesso Oda si diverte a presentare i suoi personaggi in diversi stili di abbigliamento, o anche invecchiati di qualche anno.

Proprio per via di questa sorta di malleabilità, i protagonisti di questa celeberrima serie sono da molti anni una scelta piuttosto popolare fra gli artisti e i fan che desiderano sperimentare nuovi stili usando una base preesistente e molto famosa.

Fra tutte le varie rivisitazioni dei personaggi che animano il vividissimo mondo creato dal Maestro Eiichiro Oda, due particolari schizzi sono di recente divenuti virali per le loro particolari scelte, che riguardano alcune divertenti rivisitazioni dei personaggio di Nami e di Rufy.

L’artista LaffyTaffy404 ha immaginato come potrebbero apparire Nami e il suo Capitano se fossero due dei personaggi di altre famosissime serie animate. Iniziamo con Rufy:

Art Style Challenge: Luffy from OnePiece

Il futuro Re dei Pirati viene rappresentato nei seguenti stili grafici, da sinistra a destra: si comincia con una rivisitazione tutta personale dell’artista, seguita da Rufy nello stile originale di Eiichiro Oda, per proseguire con Adventure Time, un video dei Gorillaz, Scott Pilgrim, un cartone animato in stile vintage (e nel cui angolo in basso a destra è anche visibile parzialmente una versione vintage del piccolo Chopper), Studio Ghibli e I Griffin.

Se siete curiosi di vedere la nostra navigatrice e cartografa preferire in altre vesti, eccovi accontentati!

Art Style Challenge: Nami from OnePiece

Anche in questo caso, si inizia con una versione di Nami nello stile di LaffyTaffy404 e di Oda, per proseguire con Archer, Rick and Morty, Archie, Bob’s Burgers, Le meravigliose disavventure di Flapjack e I Griffin.

Il manga di Eiichiro Oda One Piece ha iniziato ad essere serializzato sulla rivista del gruppo Shueisha Weekly Shonen Jump nel 1997. Da allora, l’opera è stata raccolta in oltre 80 volumi ed è divenuta un enorme successo in tutto il mondo, sia per quanto riguarda la critica che il pubblico, al punto che molti volumi hanno infranto qualsiasi record di vendite precedente in Giappone. Il manga si è anche guadagnato a pieno diritto un posto nel Guinness World Record per il maggior numero di copie pubblicate per lo stesso fumetto creato da un singolo autore, senza contare che è la serie di manga più venduta nel mondo, con oltre 430 milioni di copie vendute.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui