Alberico Motta, autore del primo manga italiano, è morto

Pubblicato il 23 Maggio 2019 alle 19:30

La sua morte ha profondamente scosso il mondo editoriale italiano, che lo ricorda ancora come uno dei grandi maestri del fumetto nazionale:

Motta, oltre che per Big Robot, il primo manga italiano, è ricordato anche per essere stato uno dei principali autori di storie a fumetti di molti personaggi umoristici delle Edizioni Bianconi come Geppo, Nonna Abelarda e dell’edizione italiana di Braccio di Ferro e di Tom & Jerry.

Il suo esordio come autore è avvenuto nel 1954 sul quindicinale per bambini Cri-Cri, ma poi realizza anche copertine a colori de Il Grande Blek e della rivista western El Coyote; inoltre crea anche personaggi come Paquito e Lala e quelli della versione a fumetti di Stanlio e Ollio;nel 1956, disegna anche Tiramolla.

Big Robot è il primo fumetto realizzato interamente dall’autore che ne scrisse e ne disegnò le storie e venne edito per 12 numeri riprendendo lo stile dei manga; nel 1981 inizia a collaborare con la Mondadori realizzando storie a fumetti con i personaggi Disney realizzando i primi esperimenti di colorazione al computer.

TAGS

Articoli Correlati

Come avevamo anticipato, si sono aperte le votazioni per X-Men Vote 2022: ecco tutti i candidati, accompagnati dai loro manifesti...

11/01/2022 •

08:01

Batman ricompare in città dopo tre anni di assenza, ma sarà veramente Bruce Wayne ??? Nel frattempo, i kryptoniani di Kandor...

10/01/2022 •

21:11

Dal 17 al 20 gennaio sarà possibile assistere nelle sale del Circuito UCI Cinemas all’anime diretto da Haruo Sotozaki che...

10/01/2022 •

14:32