Scacciato dalla celeste Asgard a causa della sua presunzione, privato dei ricordi sulla sua vera identità ed esiliato sulla Terra dal padre Odino, il possente Dio del Tuono si reincarna nel giovane medico zoppo Donald Blake. L’eroe tornerà ad impugnare il Mjolnir, il mitico martello del Tuono e del Lampo, ritroverà il suo vero io e difenderà la Terra dalle minacce più svariate, a cominciare dal perfido fratellastro Loki. Ha così inizio la lunga ed articolata saga di Thor, leggendaria divinità nordica riletta in chiave supereroistica da Stan Lee e Larry Lieber. Apparso per la prima volta sulle pagine di Journey into Mistery n. 83 del 1962 e concepito graficamente da Jack Kirby, Thor è divenuto in breve tempo uno dei personaggi più amati della Marvel nonché uno dei membri più importanti dei Vendicatori.

Thor apparve per la prima volta in versione live nel film tv del 1988 Hulk e Thor gli Invincibili, titolo italiano di The Incredible Hulk Returns, prosieguo della celebre serie tv sul Golia verde nel quale Thor e Donald Blake sono due personaggi distinti interpretati rispettivamente da Eric Allan Kramer e Steve Levitt. Nel 1990, dopo l’uscita del suo Darkman, il regista Sam Raimi propose un concept su Thor alla 20th Century Fox insieme a Stan Lee ma la casa di produzione lo rifiutò.

Nel 2000, in piena espansione dei Marvel Studios, si ipotizzò una serie tv sul Dio del Tuono con Tyler Mane nel ruolo del protagonista, lo stesso attore che aveva interpretato Sabretooth in X-Men, uscito quello stesso anno riscontrando grande successo al botteghino. Poco tempo dopo, però, i Marvel Studios optarono per un lungometraggio sul Dio del Tuono, la Sony Pictures acquistò i diritti e, nel 2004, David S. Goyer entrò in trattative per sceneggiare e dirigere la pellicola ma non se ne fece nulla.

Il progetto passò alla Paramount Pictures e il film fu annunciato come una produzione dei Marvel Studios. Mark Protosevich, fan dell’opera originale, fu ingaggiato per scrivere la sceneggiatura.

La sua intenzione era quella di realizzare non una storia su un umano che acquista dei superpoteri ma su una divnità che arriva a comprendere il suo vero potenziale, come “un dio del Vecchio Testamento che diventa un dio da Nuovo Testamento.” Nel 2007, Matthew Vaughn venne assunto come regista e riscrisse la stesura di Protosevich per far scendere il budget da 300 milioni di dollari a 150.

Nel 2008, dopo il successo di Iron Man, i Marvel Studios annunciarono Thor per giugno 2010 ed intendevano introdurre il Dio del Tuono in Iron Man 2. Intanto, il contratto di Vaughn giunse al termine e il regista uscì dal progetto. La palla passò a Kenneth Branagh, attore e regista nordirlandese che ha legato il suo nome soprattutto a trasposizioni di opere shakespeariane e che visualizzò il cinecomic come “una storia umana al centro di un grande scenario epico”.

La data d’uscita fu spostata a maggio 2011, due mesi prima dell’uscita di Captain America che pure fa parte della saga dei Vendicatori.

Continua a leggere, gira pagina

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui