La battaglia tra Vecchi e Nuovi Dèi è pronta a scoppiare, dopo gli avvenimenti dei precedenti episodi della nuova stagione.

In Muninn, dopo essere stato liberato dalla prigionia dei Nuovi Dèi Shadow, sotto l’occhio attento di Mr. Wednesday (impegnato nel frattempo, insieme a Laura, a far visita ad Argo ,Vecchio Dio sopravvissuto in una nuova veste grazie all’aiuto dei Nuovi Dèi e finito al loro servizio) riesce a ricongiungersi con lui da Mr.Ibis, avendo comunque ottenuto durante il viaggio (anche grazie all’incontro con Sam Black Crow) interessanti spunti per scoprire la sua vera identità. Il pubblico ha avuto modo di conoscere inoltre, finalmente, New Media, versione “aggiornata” della vecchia media pronta, insieme a Technical Boy, a propagandare nel migliore dei modi la posizione delle Nuove Divinità, guidate come sempre da Mr. World.

Dopo lo scoppiettante inizio, il secondo e il terzo episodio di American Gods hanno focalizzato l’attenzione su diversi aspetti dei personaggi, fino ad ora poco messi a fuoco ma ora, giunti a metà stagione, tutti i fan si aspettano un ulteriore impennata: dove ci porterà il quarto episodio,The Greatest Story Ever Told ?

QUESTIONE CAPITALE

Ricongiuntosi con Wednesday a Cairo presso Ibis, Shadow passa una notte piuttosto turbolenta con una Dea tra sogno e realtà, ennesima allegoria della situazione “di mezzo” in cui si trova. Wednesday ha però sùbito altri piani e dunque i due si mettono in marcia verso St. Louis, alla ricerca di un nuovo alleato per la guerra ai Nuovi Dèi: il Denaro, ancora non entrato  in ballo nella disputa tra le due fazioni ma che da secoli, inevitabilmente, svolge un ruolo primario nella gestione del potere tra gli esseri umani e, dunque, diventa una parte essenziale da tirare in ballo. E mentre Shadow comincia a capire di valere qualcosa per Odino e di essere una pedina importante nella scacchiera della sua fazione, nonostante non ne abbia ancora capito il motivo, Technical Boy dovrà vedersela con la crisi di “fede” nei suoi confronti finendo, dopo l’ennesimo insuccesso, schiacciato da Mr. World. La guerra è ormai annunciata ma, tra i due gruppi, sembra spuntarne uno nuovo, che trova in Mr. Nancy e Bilquis due leader con nuove motivazioni…

FEDE E PROFITTO

The Greatest Story Ever Told introduce nel grande disegno collettivo di divinità, per la prima volta, il Dio Denaro, fattore imprescindibile col quale sia i Vecchi che i Nuovi Dèi devono avere a che fare. E mentre Shadow compie un ulteriore piccolo passo in avanti verso la comprensione totale del suo ruolo al fianco di Mr. Wednesday, il vero tema portante dell’episodio (enfatizzato anche dal numero limitato di personaggi “attivi” nell’episodio, tra cui non vediamo né Laura né Mad Sweeney) diventa la funzione e lo scopo che, al giorno d’oggi, dovrebbe muovere le azioni di un Dio: quella verso Technical Boy e la tecnologia si dimostra una fede ben poco radicata nelle persone e, soprattutto, troppo condizionata da ulteriori fattori mentre Mr. Nancy e Bilquis trovano nella lotta al razzismo e nel riscatto sociale delle persone di colore la loro nuova bandiera, la loro nuova occasione per diventare imprescindibili agli occhi delle persone. Come accaduto in passato, American Gods ci propone un episodio non sicuramente così rilevante a livello narrativo, ma ricco di considerazioni necessarie al fine di godere al meglio della storia generale e impeccabilmente realizzato a livello di regia, capace di ampliare i punti di vista in una cornice narrativa già di per sé esplosiva di tematiche. Ulteriore passo in avanti, con l’impennata decisiva della seconda stagione che sembra alle porte e che ora, tutti quanti, si aspettano.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui