Stadia: Google lancia la piattaforma streaming per videogiochi

0
Google ha presentato la sua piattaforma di gioco in cloud Stadia alla Game Developers Conference (GDC) di San Francisco.

L’amministratore delegato di Google Sundar Pichai ha presentato il servizio Stadia al GDC, descrivendolo come una piattaforma per tutti. Pichai ha parlato delle ambizioni di Google per lo streaming di giochi su tutti i tipi di dispositivi. Stadia porterà infatti giochi in streaming su Chrome, Chromecast e Pixel e verrà lanciato nel 2019 negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito e in Europa.

Phil Harrison, ex dirigente di Sony e Microsoft, si è unito a Pichai sul palco per svelare tutti i segreti di Stadia. Harrison dice che Google amplificherà questo servizio di gioco utilizzando YouTube e i molti team che già creano videogiochi sul servizio. Google ha precedentemente testato questo servizio come Project Stream negli ultimi mesi, consentendo agli utenti di Chrome di eseguire lo streaming di giochi nel proprio browser. Assassin’s Creed Odyssey è stato il primo e unico gioco ad essere testato pubblicamente utilizzando il servizio di Google, e i test sono terminati a gennaio. Ovviamente Google non limiterà Stadia a un solo gioco.

“Stadia offre accesso immediato al gioco”, afferma Harrison, senza bisogno di scaricare o installare alcun gioco. Al momento del lancio, i giochi saranno su laptop, desktop, TV, tablet e telefoni.

Google ha dimostrato che il gioco può spostarsi senza interruzioni da un telefono a un tablet e quindi a un televisore, il tutto con dispositivi basati su Google. Mentre i controller USB esistenti funzionano su laptop o PC, Google effettuerà il lancio di un nuovo controller Stadia: sembra un incrocio tra un controller Xbox e PS4 e funzionerà con il servizio Stadia direttamente tramite Wi-Fi per collegarlo a una sessione di gioco. Questo probabilmente aiuterà per lo spostamento di un gioco da un dispositivo all’altro. Puoi anche utilizzare un pulsante per acquisire e condividere clip direttamente su YouTube o utilizzare un altro pulsante per accedere all’Assistente Google. Per alimentare tutto questo Google sta sfruttando la sua infrastruttura globale di data center per garantire che i server siano il più vicino possibile ai giocatori di tutto il mondo.

Google supporterà fino a 4K a 60 fps al momento del lancio e prevede di supportare risoluzioni fino a 8K e 120 fps in futuro. Stadia ha più teraflop di potenza rispetto a Xbox One X e Google collabora con AMD per creare una GPU personalizzata per i suoi data center. Si tratta di un chip che Google afferma offrirà 10,7 teraflop di potenza, che è superiore ai 4,2 teraflop di PS4 Pro e ai 6 teraflop di potenza su Xbox One X.

Uno dei primi giochi sul servizio Stadia di Google sarà Doom Eternal, che supporterà risoluzione 4K, HDR e 60 fps. Doom Eternal non ha ancora una data di lancio definitiva, ma sarà disponibile anche su PC, Nintendo Switch, PS4 e Xbox One. Stadia abbraccerà anche il gioco multipiattaforma, in modo che gli sviluppatori possano abilitare il multiplayer, i salvataggi e la progressione del gioco.

Google sta anche utilizzando State Share per consentire ai giocatori di condividere facilmente momenti, in modo da poter persino condividere una parte di un gioco, cambiando il modo in cui i giochi sono in genere condivisi. Il fondatore di Q-Games, Dylan Cuthbert, sta persino costruendo un intero gioco attorno a questa nuova funzione di condivisione dello stato.

YouTube è una parte importante di Stadia e Google sembra fare affidamento su di esso per spingere i giocatori al suo servizio cloud. Più di 50 miliardi di ore di contenuti di gioco sono stati guardati su YouTube durante il 2018, quindi Google permetterà agli utenti di Stadia di evidenziare, catturare e condividere direttamente su YouTube o agli spettatori di giocare insieme ai creatori. La funzione Crowd Play di Stadia è progettata per facilitare questo e include un sistema di lobby che ti consente di abbinare i creatori di contenuti di YouTube.

Google sta persino creando il proprio studio di gioco per titoli esclusivi di Stadia, Stadia Games and Entertainment. Jade Raymond si occupa di questa area per Google. Raymond è un veterano del settore che ha lavorato in precedenza in Sony, Electronic Arts e Ubisoft. Google dice che oltre 100 studi hanno già kit di sviluppo per Stadia, e più di 1.000 creativi stanno già lavorando su titoli che funzioneranno sul servizio.

Google non ha rivelato dettagli su esattamente quando il servizio sarà disponibile a partire dal 2019. Google non ha rivelato i prezzi o anche quanti giochi il servizio avrà al momento del lancio, ma promette maggiori dettagli in estate. Google sembra prepararsi nel migliore dei modi per affrontare Microsoft, Sony, Amazon e tutti gli altri competitor.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui