Aquaman 2: Ocean Master non sarà il villain principale

L’attore Patrick Wilson ha parlato del futuro del suo personaggio, specificando come non sarà il villain principale del sequel di Aquaman.

Durante l’evento dedicato al libro The Art and Making of Aquaman, l’attore Patrick Wilson ha avuto modo di parlare del futuro del suo personaggio, Ocean Master, specificando come non sarà il villain principale del prossimo film di Aquaman. “Non so quale sarà il futuro di Orm, non lo si può uccidere perché è un personaggio troppo importante per lo sviluppo di Arthur. Non diventerà il villain principale del sequel né di altri film, non penso abbia lo stesso destino avuto nelle storie fumettistiche del Nuovo 52: credo lo considereranno come chiuso in qualche prigione sottomarina. Se il regista vuole comunque che io torni, sarò felice di farlo”.

Ad occuparsi della sceneggiatura di questo secondo capitolo sarà, come riportato da The Wrap, David Leslie Johnson-McGoldrick (già co-sceneggiatore del primo film insieme a Will Beall). Alla regia dovrebbe tornare James Wan, che proprio con  Johnson-McGoldrick ha collaborato e collaborerà per The Conjuring 2 e The Conjuring 3. Settimane fa, su Instagram, Jason Momoa ha documentato il suo incontro negli uffici Warner Bros. e DC Films, dove ha incontrato il produttore Peter Safran (Aquaman, Shazam!) e il presidente DC Films Walter Hamada. Gli argomenti della discussione restano ancora top secret, ma Momoa non ha dubbi: i fan non hanno idea dei clamorosi piani in casa WB e DC, ma lui sì e ne è completamente euforico.

Secondo DeadlineWarner Bros. starebbe insistendo per far tornare nuovamente James Wan alla regia, nonostante l’entourage del regista abbia fatto sapere come lo stesso Wan voglia una pausa dopo l’estenuante lavoro di produzione e promozione del primo film. La realizzazione del sequel dunque potrebbe non essere così immediata ma, con pazienza da parte di WB ed una sceneggiatura degna, con molta probabilità Wan tornerà nuovamente a dirigere un film di Aquaman…in questi casi, meglio prendersi più tempo facendo le cose con calma, ma essendo quasi certi dell’ottima riuscita del lavoro.

In precedenza, a Total Film, lo stesso James Wan aveva parlato delle sue idee per il sequel: “Il mondo di Aquaman ha parecchie trame al suo interno, non solo la storia personale di Arthur. Sarebbe interessante e divertente poter approfondire la storia dei sette regni, ad esempio”.

Le parole del regista fanno eco a quelle dell’attore Jason Momoa: “Ho sicuramente delle idee a riguardo” spiega in un’intervista a SyFy Wire “Anche durante le riprese, ho avuto delle idee da poter sviluppare in Aquaman 2. Ho proposto tutto ciò che mi era venuto in mente al produttore Peter Safran e al presidente Warner Bros. Toby Emmerich e le hanno subito apprezzate. E’ fantastico, ho sicuramente idee ben precise su come svilupare la storia di Arthur”.

Con un budget di produzione di circa $ 200 milioni, Aquaman ha incassato globalmente la bellezza di più di un miliardo di dollari, diventando il film di maggior successo al Box Office della DC Comics. Questo successo ha spinto WB a realizzare uno spin-off: Noah Gardner e Aidan Fitzgerald sono stati ingaggiati per occuparsi della sceneggiatura dello spin-off incentrato sulla Fossa, luogo di Atlantide abitato da creature mostruose. Insieme a Wan, verrà coinvolto come produttore  Peter Safran. Essendo uno spin-off, non verranno coinvolte le star principali del franchise (come lo stesso Jason Momoa o Amber Heard) e dovrebbe arrivare nelle sale prima del sequel diretto di Aquaman.

(via CB)

COMMENTA IL POST