M.C.: Sono un ragazzo che sorride e ride molto, ma amo disegnare persone tristi. Matt è uno dei personaggi Marvel più complicati e sfaccettati. Fortunatamente, la sceneggiatura di Chip mi offre l’opportunità di esplorare il lato romantico, arrabbiato, triste di Matt.

Per Daredevil, sto giocando molto con ombre e sagome per accentuare la sua oscurità. Per Matt, sono stato ispirato dal giovane Robert Redford de “I Tre Giorni del Condor”. Ho optato per i suoi vecchi occhiali neri e ho cambiato il suo modo di vestire. Quindi, è meno simile ad un avvocato in ogni momento della sua vita. [Ride] Ho apportato alcune variazioni al costume di Daredevil per renderlo visivamente un po’ più realistico, ma senza distorcerlo, e sto cercando di curare ogni piccolo dettaglio.

CBR: L’arcinemico di Matt, Wilson Fisk, è stato una parte integrante di Daredevil per decenni, ma è una presenza ancora più grande ora che è il sindaco di New York. Cosa puoi dirci dei tuoi piani per l’ex Kingpin del crimine?

C.Z.: Fisk come sindaco è un pezzo troppo grande con cui non giocare, ma adesso l’ho immesso in un viaggio tutto suo. Si sta chiedendo cosa vuole, quale sarà il suo futuro. E questo ha sempre meno a che fare con Daredevil, ma ha tutto a che fare con la serie di Daredevil.

M.C.: Appena ho letto la prima scena del sindaco Fisk, mi sono subito chiesto: “Come posso approcciarmi a lui graficamente?” Ho risposto immediatamente con un “Facciamo un passo indietro!” Negli ultimi anni è sempre stato interpretato in modo realistico, a volte persino troppo simile a Vincent D’Onofrio (che ho amato nella serie TV), ma per me il vero Kingpin è una bestia enorme con una piccola testa, come quello disegnato da John Romita Jr. Lui è sicuramente il mio artista preferito, di sempre. Da bambino, ho adorato il suo Spider-Man e il suo lavoro su Daredevil. Ciascuna delle sue serie è stata una gioia per me. Ehi, John, se stai leggendo… ti amo! [Ride]

CBR: Marco, cos’altro puoi dirci del tuo approccio artistico a questa serie?

M.C.: Sto lavorando davvero a questa serie con il cuore, grazie alla storia di Chip e all’aiuto dei miei editor, Devin e Lauren. Prendo come riferimento le atmosfere degli anni Miller/Mazzucchelli/Nocenti/Romita/Quesada.

 

C.Z.: Marco è salito di livello per questa serie. Le sue pagine sono meravigliose e chiaramente ha una passione per i personaggi. E, per la colorazione, volevamo essere certi di avere qualcuno che portasse una tavolozza che potesse sposare il sobrio livello stradale con la vivacità di Daredevil, e Sunny Gho era la soluzione perfetta. La mia mascella cade quando arrivano le pagine finali.

CBR: Infine, Daredevil è un personaggio noto per alcune impressionanti e lunghe serie di team creativi. Quindi quanto sono vasti i tuoi piani per Matt Murdock? Cosa riserva il nuovo anno per Daredevil?

C.Z.: Ci sarà una domanda con una risposta mutevole durante il primo anno: Chi è il cattivo?

Se riesco a gestirla, rimarrò per sempre su questa serie.

E voglio che ogni numero sia una sorpresa. Voglio che le persone sperimentino questo come ogni numero è un capitolo di un romanzo. Dovete solo approcciarvi a occhi chiusi, per così dire. Questa è l’unica intervista online che ho avuto per il primo arco narrativo, perché voglio che la serie parli da sola.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui