Suspiria: Dario Argento non ha apprezzato il remake

0
Dario Argento, che è stato il regista dell’originale Suspiria del 1977, dice di non essere un grande estimatore del remake del 2018 di Luca Guadagnino

La nuova versione del classico film horror italiano è arrivata in Italia il 1 gennaio (qui la recensione), con un cast che include tra le altre Tilda Swinton e Dakota Johnson.

La trama di Suspiria segue la giovane ballerina americana Susie mentre inizia la sua formazione presso la prestigiosa Accademia di danza Markos Tanz a Berlino. Dal momento in cui arriva, tuttavia, diventa subito evidente che le cose non sono proprio quelle che sembrano all’Accademia e, in poco tempo, Susie si trova a fare i conti con incidenti strani. Mentre la trama si svela, la verità  sull’accademia di danza di Markos Tanz diventa chiara, con grande orrore di Susie.

Il film è stato sinonimo di Dario Argento per decenni e gli appassionati di horror di tutto il mondo hanno elogiato da tempo il tutto, dalla sua colonna sonora intensa e incisiva alla sua potente e coinvolgente atmosfera.

Quando il remake è stato annunciato, molti fan si sono chiesti non solo quanto sarebbe stato bello, ma anche cosa ne pensava Argento. Ora grazie a The Film Stage, sappiamo la verità  e non sembra che Argento sia stato un grande fan del film. Ha detto il famoso regista italiano: “Non mi ha entusiasmato, ha tradito lo spirito del film originale: non c’è paura, non c’è musica. Il film non mi ha soddisfatto così tanto”.

Argento ha poi continuato dicendo che il remake era “un film raffinato, come Guadagnino, che è una brava persona”. Poi ha aggiunto: “Guadagnino crea bei tavoli, belle tende, bei piatti, tutto bellissimo…”

L’anno scorso, Guadagnino, noto per il suo film premio Oscar 2015 Chiamami col tuo nome, aveva parlato delle sue interazioni con Argento per quanto riguarda il remake di Suspiria. A quel tempo, Guadagnino aveva trasmesso l’incoraggiamento che Argento gli aveva dato, dicendo: “Sono amico di Dario e ho avuto il privilegio di conoscerlo da molto tempo. Abbiamo cenato e lui mi ha detto: “Non hai bisogno di alcuna benedizione. Devi solo andare a fare il tuo film”. Lui è stato molto generoso. Ha visto il film, ma non spetta a me trasmettere la sua reazione. Posso solo dirti che dopo averlo visto mi ha chiamato, ed è stata una bella chiamata”.

Le ultime parole di Argento difficilmente possono dirsi positive, ma i due amici probabilmente hanno avuto una conversazione più lunga di quella di cui il pubblico è a conoscenza.

Per quanto riguarda il remake di Suspiria in sé il risultato finale ha diviso critici e fan, portando con sè elogi e bocciature. Una cosa sull’intera situazione è certa, tuttavia:  molti dei film più apprezzati oggi sono nati in circostanze simili, con opinioni molto contrastanti che li hanno isolati per anni. Col tempo, forse il remake di Suspiria di Luca Guadagnino avrà un appeal più unanime.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui