Una sfida tra donne nel manga del duo Kaiu Shirai e Posuka Demizu edito in Italia da J-POP.

In occasione del Jump Festa 2019, evento speciale organizzato da Shueisha per i suoi brand manga e anime arricchito da notizie e presentazioni, è stato organizzato un panel dedicato al manga rivelazione della rivista settimanale, ovvero a The Promised Neverland. Il manga è scritto da Kaiu Shirai e disegnato da Posuka Demizu.

Il panel, oltre a rivelare il primo trailer esteso della prima stagione animata ispirata al manga che debutterà in Giappone il 10 gennaio 2019, ha presentato una sessione di domande e risposte con gli autori, sebbene non fossero in prima persona presenti alla grande kermesse.

Tra le tante domande emerse, ecco come hanno risposto, all’unanimità, gli autori quando gli è stato chiesto il motivo per cui è stato deciso che il protagonista di questa storia dovesse essere un personaggio femminile, ovvero Emma:

Il motivo è perchè dall’inizio il boss nemico è sempre stato la Mamma. La prospettiva della storia passa dal punto di vista di una ragazza, ma interpretata e costruita come una resa dei conti finale tra una madre e una figlia. Avevamo pensato che il progetto avrebbe acquisito più interesse in questo modo. In più, poichè la madre è proprio la nemica dei fratelli di Grace Field House, Emma [protagonista, ndr.] avrebbe il ruolo della madre che protegge i suoi fratelli. Questo esalterebbe il significato profondo della resa dei conti tra madre e figlia“.

Il manga, con due anni di serializzazione alle spalle, attualmente è nel suo arco narrativo conclusivo, ma siamo ancora lontani dal finale effettivo.

Tornando all’anime, ricordiamo che la stagione animata trasporrà sino al capitolo numero 37 del manga (volume 5), ossia fino al finale dell’arco della fuga dall’orfanotrofio di Grace Field House, e sarà composta da un totale di 12 o 13 episodi.

Con la regia di Mamoru Kanbe presso lo studio di CloverWorks, il compositore della serie è Toshiya Ohno, Kazuaki Shimada è il character designer e alle musiche compare il nome di Takahiro Obata.

Relativamente al cast, recentemente abbiamo avuto modo di scoprire una seconda parte dei doppiatori che potete raggiungere e consultare qui. I tre protagonisti principali, Emma, Norman e Ray, saranno rispettivamente interpretati da Sumire Morohoshi, Maaya Uchida e Mariya Ise.

La opening della prima stagione animata sarà eseguita dalla band giapponese UVERworld (seconda opening della terza stagione animata di My Hero Academia) con il pezzo che prende il nome di “Touch off”. La ending, invece, è eseguita dalla band composta dai tre musicisti che si firmano col nome di Cö shu Nie (Tokyo Ghoul:re).

Emma, Norman e Ray vivono felici fin dalla nascita in un orfanotrofio circondato da un fitto bosco, accuditi da un’amorevole “mamma”. La loro illusione di normalità va in pezzi quando scoprono cosa succede davvero a chi lascia la casa per essere “adottato”, e cosa nasconde il muro che delimita il bosco: ai ragazzi non rimane che ingegnarsi per cercare la fuga. Inizia un letale gioco del gatto con il topo!

The Promised Neverland è scritto da Kaiu Shirai e disegnato da Posuka Demizu sulle pagine della rivista settimanale di Weekly Shonen Jump, dal 1° agosto 2016. Il manga attualmente è giunto al capitolo numero 116 con 11 volumi pubblicati. L’edizione in tankobon numero 12 sarà disponibile dal 4 gennaio 2019.

In Italia l’opera è edita da J-POP con i primi 6 volumi disponibili.

Il 4 giugno 2018 è stata pubblicata in Giappone e nei negozi online la prima light novel ispirata al manga. La storia è focalizzata sul coprotagonista Norman il quale, nel giorno della sua spedizione, racconta i suoi ricordi vissuti con Emma e gli altri bambini dell’orfanotrofio Grace Field House attraverso una lettera a loro indirizzata. Il romanzo è scritto da Nanao. La seconda, focalizzata su mamma Isabella e sorella Krone, arriverà dal 4 gennaio 2019.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui