Aveva 65 anni e si è spento in seguito a delle complicazioni respiratorie.

E’ morto ieri in ospedale a Vigevano dove era ricoverato da più di una settimana, Giuseppe Lippi uno dei maggiori esperti di fantastico in Italia dalla fantascienza al fantasy.

E’ stato uno dei più importanti curatori della collana Urania di cui prese le redini nel 1990 in un periodo di relativo appannamento pubblicando materiale eccellente ed impeccabilmente curato.

Nato a Stella Cilento, aveva vissuto a Napoli e poi a Trieste dove aveva iniziò a occuparsi di fantascienza. Nel 1977 si trasferisce a Milano cominciando a lavorare con Vittorio Curtoni sulla rivista Robot, divenendone brevemente curatore e con la quale ha continuato ininterrottamente a collaborare, anche nella versione Delos Books, fino al numero 85 di prossima uscita.

Ha collaborato anche con Mondadori a partire dal 1980 lavorando alle collezioni “Oscar” dedicate a fantascienza, fantasy e horror, e in seguito alla realizzazione di diversi volumi di genere, cosa che l’ha portato, tra le altre cose, a pubblicare l’opera omnia – da lui stesso tradotta – di H.P. Lovecraft e il ciclo Le cronache di Narnia. Oltre che dello scrittore di Providence, è stato traduttore tra gli altri anche di Robert E. Howard, il creatore di Conan il barbaro.

Per Sergio Bonelli Editore invece ha scritto numerosi articoli per la collana Almanacchi – poi diventata Magazine – spaziando agevolmente tra i generi.

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui