L’acclamato titolo dell’etichetta Vertigo Border Town potrebbe essere destinato ad una fine prematura.

L’artista Ramon Villalobos e la colorista Tamra Bonvillain, infatti, hanno lasciato la serie a seguito delle accuse di abusi contro lo scrittore e co-creatore Eric Esquivel.

Le accuse erano state pubblicate on-line in un post dal titolo “la mia esperienza con il mio aggressore”, da Cynthia Naugle, un ex-partner di Esquivel. Anche se lei mai ha nominato l’uomo in questione, riferendosi solo a lui come “X”, gli addetti hanno rapidamente individuato Esquivel come l’obiettivo del pezzo. Il post ha incluso una lunga e dettagliata storia di abusi sessuali ed emotivi ed ha cominciato a circolare tra i professionisti del mondo del fumetto sui social media quasi immediatamente.

“Due giorni fa, sono stata messa a conoscenza delle esperienze condivise da Cynthia Naugle circa il suo rapporto con lo scrittore Eric Esquivel”, ha scritto Bonvillain, “Il modo in cui la trattava era disgustoso e imperdonabile, e il numero 5 è il mio ultimo numero”.

Poi anche l’artista Ramon Villalobos ha lasciato il titolo. In una dichiarazione pubblicata su Twitter, Villalobos ha dichiarato che nè lui nè Bonvillain nè alcun membro del team editoriale di DC/Vertigo erano a conoscenza delle accuse contro Esquivel fino a quando non sono diventate pubbliche giorni fa:

“Per rispetto verso tutte le parti coinvolte, volevo stare zitto riguardo a questa situazione negli ultimi giorni, ma sento che dovrei prendermi un momento per dire la mia. Ho deciso di credere alle donne, punto e basta: il coraggio e la forza che ha impiegato per scrivere quella lettera probabilmente sono la forza o il coraggio che io mai potrò avere… Border Town significava molto per me perchè era una confluenza di così tanti dei miei interessi: elementi di orrore, commedia, ribellione adolescenziale, cultura latina, ecc. Non penso sia esagerato dire che ho riversato tutto in questo lavoro ed è  il miglior lavoro della mia carriera relativamente giovane. Ha reso la mia vita migliore averlo fatto.Ma questo non riguarda me. Qualunque cosa questa persona abbia sentito e vissuto è ciò che conta di più e voglio essere chiaro che penso che affrontare gli abusi e rendere l’industria dei fumetti un posto più sicuro sia la cosa più importante”.

Esquivel non ha diffuso alcun tipo di dichiarazione. Al momento, ha disattivato la maggior parte dei suoi account sui social media e ha impostato il suo account Twitter come privato. DC/Vertigo non ha commentato ufficialmente fino ad oggi.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui