Il Torneo del Potere si conclude anche nella serie manga di Dragon Ball Super in un modo esclusivo rispetto all’anime.

Shueisha ha pubblicato, attraverso il più recente numero di V-Jump, il capitolo 42 di Dragon Ball Super, la serie manga scritta da Akira Toriyama e disegnata da Toyotaro. L’evento principale del nuovo capitolo manga è stata la narrazione della fine del Torneo del Potere il quale presenta delle differenze rispetto a quanto visto nell’anime.

Sebbene i guerrieri restanti siano gli stessi, ovvero Goku, Vegeta, Freezer e Numero 17 tra le fila del 7° Universo e Jiren per l’11° e anche se il vincitore è lo stesso, la conclusione arriva con dinamiche differenti.

Nella serie anime, Freezer e Goku uniscono incredibilmente i loro potere per lo scontro finale contro Jiren, quanto basta per eliminarlo fuori dal ring. Il loro lavoro di squadra è impressionante e i due riescono, appunto, a gettare Jiren fuori dal ring con la conseguente eliminazione anche di Freezer e Goku. Grazie a questo rush finale colui che rimane sul ring è l’Androide Numero 17, pertanto è lui il vincitore della contesa e quindi il 7° Universo.

Nel manga il vincitore del Torneo è comunque Numero 17, ma le modalità di vittoria sono differenti… questa volta con un Freezer che pare essere tornato a ricorrere al suo doppiogiochismo.

Innanzitutto, Vegeta è il vero guerriero nelle battute finali del Torneo del Potere ed è anche colui che sprona Goku con il miglior gioco di squadra per eliminare Jiren. Nonostante tale entusiasmo, Jiren elimina Vegeta e anche Goku rischia lo stesso destino spingendo il Saiyan quasi oltre il bordo dell’arena ad un minuto dal termine di tutto.

A salvare la situazione è Freezer il quale, tuttavia, questa volta non offre il suo aiuto a Goku (nonostante lavorino per lo stesso Universo), anzi egli lancia una sfera d’energia alle spalle di Goku e Jiren per cercare di eliminarli entrambi. Jiren evita la sfera e Freezer si trasforma nella sua modalità Golden e si lancia con impeto furiosa verso Goku e Jiren, ma il risultato finale è che tutti e tre i guerrieri sono fuori dai giochi trasferendosi verso gli spalti.

Proprio mentre tutti credevano fosse ormai una vittoria contesa tra 7° e 11° Universo, in quel momento riappare Numero 17 dalle macerie rivelando che sta bene. L’Androide aveva finto in precedenza la sua autodistruzione (al fine di trovare una chance di vittoria contro Jiren) e tale si era rivelata una strategia di successo pensata assieme a Freezer.

Il tempo scade e il Torneo del Potere si conclude definitivamente. Jiren si mostra dispiaciuto per la sconfitta e il Grande Sacerdote elimina dall’esistenza l’Universo, ma l’Androide Numero 17, ovvero il vincitore della contesa, rivela il suo desiderio di far tornare in vita tutti gli Universi che sono stati eliminati in occasione del Torneo del Potere. Ricordiamo, infatti, che il vincitore avrebbe avuto la possibilità di chiedere un desiderio al Super Drago Shenron che è in grado di esaudire qualunque cosa. Questa scelta molto altruista da parte del vincitore permette al 7° Universo, originariamente fermo agli ultimi posti, di classificarsi al 3° tra tutti i 12 presenti nella serie di Dragon Ball.

Ricordiamo che alla fine del capitolo di cui abbiamo parlato oggi ha avuto inizio l’arco narrativo inedito che si piazza temporalmente dopo gli eventi di Dragon Ball Super: Broly, il film animato. L’arco narrativo prende il nome de “Il Prigioniero della Pattuglia Galattica” e con il prossimo capitolo si entrerà nel vivo. Ecco a voi una sinossi della nuova storia:

Subito dopo il Torneo del Potere e gli eventi di Dragon Ball Super: Broly, Goku e Vegeta riprendono insieme gli allenamenti quando Bulma, previo messaggio di Mister Satan, rivela che un misterioso gruppo è apparso in casa sua con l’intento di rapire Bu. Goku e Vegeta si dirigono sul posto per investigare e difatti trovano un gruppo mentre sta portando con sè un Bu ancora dormiente all’interno di una navicella spaziale dall’aspetto familiare. Il leader del gruppo li riconosce e immediatamente riesce a mettere ko Goku e Vegeta con una pistola anestetizzante. Al loro risveglio, i Saiyan si ritrovano dentro il Quartier Generale della Pattuglia Galattica insieme a Jaco. Il rapitore di Goku e Vegeta si rivela essere Merus, pattugliatore galattico No. 1 della sezione d’elite della Pattuglia Galattica e responsabile di 104 distretti (Jaco ne è responsabile di 3). Merus spiega che un criminale malvagio è scappato dalla prigione galattica e al fine catturarlo di nuovo hanno dell’aiuto di una persona in particolare… il Sommo Kaioshin che risiede nel corpo di Bu“.

Dragon Ball Super è una serie animata giapponese, prodotta da Toei Animation, trasmessa in Giappone su Fuji Television la quale si pone come seguito alla sconfitta di Majin Bu. La serie si è conclusa con l’episodio numero 131 (Una conclusione miracolosa! Addio Goku, fino al giorno in cui ci rivedremo di nuovo!). La programmazione italiana dell’anime si è arrestata all’episodio 76.

La versione manga è realizzata a cadenza mensile, ideata e sceneggiato da Akira Toriyama e disegnata da Toyotaro. Il manga è serializzato su V-Jump (Shueisha) dal 20 giugno 2015 ed è attualmente giunto al capitolo 42, con i primi 36 scritti raccolti in 7 volumi. Il manga sta in questo momento affrontando l’arco narrativo Universal Survival (Torneo del Potere).

L’edizione italiana del manga è affidata a Star Comics con i primi 5 volumi già disponibili per l’acquisto.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui